Lara Molino, “Lu fóche de San Tumasse” singolo che anticipa “Fòrte e gendìle” primo disco in lingua d’abruzzo

 

Il clip anticipa l’uscita di “Fòrte e gendìle”, primo lavoro in lingua d’Abruzzo della cantautrice di San Salvo (CH), in uscita per fonoBisanzio / IRD il prossimo 9 giugno con la produzione di Michele Gazich.
Una canzone su una ritualità antica capace di sopravvivere strenuamente alle evoluzioni tecnologiche e alla disgregazione delle comunità.

[su_youtube_advanced url=”https://www.youtube.com/watch?v=w3LbX9TaVWA”]

“Lu fóche de San Tumasse” è il primo singolo da “Fòrte e gendìle”, nuovo disco di Lara Molino in uscita per fonoBisanzio / IRD il prossimo 9 giugno. Il brano è accompagnato da un video realizzato da Giulio Innocenti che è disponibile da oggi su Youtube.
“Fòrte e gendìle”, prodotto artisticamente dal violinista e songwriter Michele Gazich, è il primo lavoro in lingua d’Abruzzo di Lara Molino e raccoglie dieci brani folk quasi tutti scritti da Lara insieme al padre e poeta Michele Molino, che interviene con la propria voce in alcuni passaggi della tracklist.
Le canzoni verranno presentate nel corso di un mini-tour abruzzese in partenza il 19 maggio che vedrà impegnata Lara Molino insieme a Michele Gazich. Ecco le date:

Venerdi 19 maggio, Torino di Sangro (CH) – Sala Priori ore 21:00
Domenica 21 maggio, San Salvo (CH) – Sala Teatro del Centro Culturale “Aldo Moro” ore 21:00
Martedi 23 maggio, Pescara – Ex Aurum ore 21:00
Giovedi 25 maggio, Vasto (CH) Pinacoteca Palazzo D’Avalos ore 21:00

“Lu fóche de San Tumasse” è la traccia che apre in modo programmatico il disco ricordando una ritualità antica capace di sopravvivere strenuamente alle evoluzioni tecnologiche e alla disgregazione delle comunità. “Quella del Fuoco di San Tommaso – racconta la cantautrice di San Salvo, Chiesti – è una delle usanze a cui sono più legata. Il fuoco è calore, famiglia, Natale, vita, comunità. Lo si ricorda acceso nella notte del 20-21 dicembre 1745 quando giunse a San Salvo l’urna contenente le reliquie di San Vitale martire, il santo patrono della città. Ma l’accensione del grande fuoco è un rito arcaico, forse italico, da sempre ripetuto, un evento identitario che i sansalvesi continuano ad amare perché costituisce il filo rosso che lega il presente al passato.”

“Fòrte e gendìle” – realizzato in circa due anni dopo un lungo lavoro di ricerca storica e musicale – è un disco essenziale, arrangiato con una chitarra acustica e il violino e la viola di Gazich, a cui sono stati aggiunti di tanto in tanto un’altra chitarra (suonata da Marco Lamberti) e una fisarmonica (Titti Castrini, già al lavoro con Vinicio Capossela) a completare una gamma di timbri che vedono al centro di tutto la voce della titolare, forte e gentile come il proverbiale modo di dire usato spesso per descrivere le genti d’Abruzzo. E del resto è proprio di queste persone, della loro storia di sofferenze e solidarietà, delle tradizioni e delle migrazioni, che i brani raccontano, con parole semplici e ferme nutrite dall’espressività evocativa e dalla verità di una lingua che travalica il tempo e la globalizzazione per parlare a chiunque.

Non è infatti un disco per soli abruzzesi “Fòrte e gendìle”: come ogni album realmente folk ha la forza di parlare a quella parte di terra e radici che ognuno di noi si porta dietro nonostante tutto. Collegando il sangue dei padri a quello dei figli, lasciando che siano le vite di un tempo (di povere donne, di pescatori e migranti, di vecchi e briganti) a parlare alle vite di oggi.

Link
http://www.laramolino.it

https://www.facebook.com/lara.molino

(foto Roberto Ronca)

I video del giorno

Stefano Manduzio
Informazioni su Stefano Manduzio 380 Articoli
Surfista, videomaker, speaker e ideatore di Radio Fregene. Tra strumenti musicali, una mano di cera sulla tavola, un rendering sul Mac per preparare un video la sua giornata sembrerebbe piena e caotica, ma che in realtà è gestita dai ritmi della terra.