Francia, né di destra né di sinistra: nasce il governo Macron

Diciotto ministri, con esponenti socialisti, conservatori, ecologisti e centristi, a conferma di un tentativo di andar oltre le divisioni tra destra e sinistra: le edizioni online dei principali quotidiani di Francia sintetizzano così oggi la composizione del primo governo del presidente Emmanuel Macron.

Tra i nomi di spicco figura Jean-Yves Le Drian, titolare della Difesa nell’amministrazione dell’ex presidente Francois Hollande, nominato ora agli Esteri. Il conservatore Bruno Le Maire è stato scelto per l’Economia, mentre il sindaco socialista Gerard Collomb andrà agli Interni. Il centrista Francois Bayrou è stato selezionato per la Giustizia. Al dicastero per la Transizione ecologica e solidale, invece, l’ambientalista Nicolas Hulot.

Diversi gli incarichi di governo affidati a donne. Agnes Buzyn sarà ministro della Sanità, Laura Flessel andrà allo Sport e Sylvie Goulard, eurodeputata centrista, sarà responsabile delle Forze armate.

A guidare l’esecutivo, come noto da lunedì, sarà il conservatore Edouard Philippe.

NE’ DONNE NE’ INFANZIA TRA I MINISTERI

Niente ministero per i Diritti delle donne ne’ per l’Infanzia nel nuovo esecutivo Macron.

Molti i delusi, che sui social network esprimono tutto il loro disappunto.

Lyes Louffok, membro del Consiglio nazionale per la protezione dell’Infanzia (Cnpe), su Twitter ha scritto: “Delusione enorme! Macron ha soppresso il ministero dell’Infanzia. Un insulto verso tutte le vittime”, seguito dall’hashtag “la rage”, ossia “rabbia” in francese. Macron a fine aprile aveva anche promesso un ministero specifico per i diritti “in rosa”, a quell’epoca ancora parte del ministero per l’Infanzia, che aveva anche la delega alla Famiglia. A ricordarlo sempre attraverso un tweet e’ Caroline De Hass, militante femminista, imprenditrice e candidata alle prossime legislative, tra i principali oppositori in questi mesi della riforma sul lavoro presentata dal governo Hollande: “Ecco. Emmanuel Macron ha mentito. Che sorpresa”, quindi ha ritwittato l’annuncio di Macron del 28 aprile, in cui l’allora candidato di ‘En marche!’ scriveva: “Ci sara’ un ministero pieno per i diritti delle donne”. Per le Pari opportunita’ Macron, col premier Edouard Philippe, ha previsto comunque un segretario generale: si tratta di Marlene Schiappa, fondatrice del noto blogger ‘Mamma lavora’, e responsabile dell’uguaglianza tra i sessi durante la campagna presidenziale.

Fonte: agenzia dire

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9342 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.