Cancro mammario e ovarico: come fare prevenzione?

 




 

La scienza ogni giorno compie dei passi avanti nella battaglia contro i tumori, scoprendo e realizzando nuove terapie personalizzate per i pazienti. Prima di “curare” si può fare prevenzione per evitare l’insorgenza di vari tipi di tumore come il tumore ovaio, mammario, cerebrale.

Il cancro alla mammella è la prima causa di decesso per patologia oncologia tra le donne1, tuttavia, se viene diagnosticato quando è allo stadio zero, la percentuale di sopravvivenza delle donne trattare è di circa del 98%1. Le cause del cancro si possono ricondurre a una dieta scorretta, uno stile di vita insano, a una predisposizione genetica. La familiarità è dovuta alla trasmissione di alterazioni genetiche come nel caso dei tumori ovarici e mammari, di cui si stima che il 10% dei casi possa essere connesso alla presenza di mutazioni dei geni BRCA (BReast CAncer)2,3.

La profilassi primaria e secondaria è una procedura medica che ha lo scopo di prevenire l’insorgere di neoplasie ancor prima di trattarle.

La profilassi primaria si occupa della rilevazione dei fattori di rischio connessi allo sviluppo dei tumori. Il primo passo è ottenere delle informazioni corrette ed esaustive sull’argomento e in seguito si passa all’attività preventiva vera e propria. Il rischio di sviluppare un cancro può essere ridotto dedicando parte del proprio tempo ad una regolare attività fisica e alimentandosi in modo sano e corretto4. L’origine dei tumori mammari e ovarici può essere ricondotta a mutazioni genetiche. Le donne che hanno una mutazione ai geni BRCA1 e BRCA2 presentano una percentuale di insorgenza del cancro al seno dell’87%, mentre per quello all’ovaio è del 40%⁵.

La profilassi secondaria è la diagnosi immediata di una malattia, e in virtù di questo si rende possibile l’intervento precoce e si accrescono sia le probabilità di guarigione sia le possibilità di terapia.

Visite specialistiche periodiche e percorsi di screening consentono di fare una diagnosi anticipata in caso di sviluppo di un tumore. Si suggerisce di effettuare esami genetici specifici, come il test BRCA, per rilevare alterazioni ai geni BRCA (connesse all’insorgenza del cancro ovarico e mammario). Occorre solo un campione ematico o di saliva dal quale esaminare il DNA alla ricerca di alterazioni ai geni BRCA.

Per maggiori informazioni: www.brcasorgente.it

Fonti:

  1. Nastro Rosa 2014 – LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori)
  2. Campeau PM, Foulkes WD, Tischkowitz MD. Hereditary breast cancer: New genetic developments, new therapeutic avenues. Human Genetics 2008; 124(1):31–42
  3. Pal T, PermuthWey J, Betts JA, et al. BRCA1 and BRCA2 mutations account for a large proportion of ovarian carcinoma cases. Cancer 2005; 104(12):2807–16
  4. Diet, nutrition and the prevention of cancer Timothy J. Key, Arthur Schatzkin, Walter C. Willett, Naomi E. Allen, Elizabeth A. Spencer and Ruth C. Travis
  5. Ferla R. et al. (2007). Founder mutations in BRCA1 and BRCA2 genes. Annals of Oncology. 18; (Supplement 6):vi93-vi98

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica