Welfare, rapporto sullo Stato Sociale 2017: “In atto una stagnazione secolare”

Peggioramento della distribuzione del reddito e instabilità dei proventi da lavoro e delle politiche di consolidamento fiscale. Ridotta dinamica della produttività, invecchiamento demografico e frammentazione territoriale dei sistemi produttivi. E ancora: aumento dei segnali di indebolimento della globalizzazione, maggiore difficolta’ alla circolazione delle persone, minore propensione e disponibilità al coordinamento economico, sociale e politico internazionale, con una previsione ad un ritorno delle politiche protezionistiche. E’ quanto emerge dal Rapporto sullo Stato sociale 2017, a cura di Roberto Pizzuti, presentato a La Sapienza di Roma.

Le questioni generali affrontate nel testo di quest’anno riguardano la natura della ‘grande recessione’ iniziata nel 2007. In particolare, iniziano a prendere forma le connessioni con l’ipotesi che sia in atto una “stagnazione secolare”. Sullo sfondo, la tendenza alla riduzione della dinamica della produttività e le proposte di decentramento contrattuale dei salari. Infine, i ruoli che possono essere affidati all’intervento pubblico e al Welfare State per superare la crisi.

Sono le politiche sociali dell’Unione Europea, secondo il rapporto, che continuano a riflettere l’inadeguatezza della complessiva visione economico-sociale che ha guidato la sua costruzione. Le politiche di bilancio restrittive e particolarmente vincolanti danneggiano le economie nazionali gia’ deboli. La carenza di politiche industriali frena l’ammodernamento delle strutture produttive e la riduzione delle disomogeneità geografiche esistenti.

Il nostro Paese ha risentito particolarmente delle modalità controproducenti della costruzione europea e della ‘grande recessione’. Secondo il rapporto, infatti, i loro effetti si sono sovrapposti e mescolati con le cause di un proprio specifico declino operante da un quarto di secolo.

Fonte: agenzia dire

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9606 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.