I numeri del gioco in Italia

L'educazione al gioco deve iniziare dalle scuole, parola di Pier Paolo Baretta

Azzardo: uno spauracchio capace però di generare economia. L’introito annuale generato dall’azzardo è pari all’1,1% del PIL, una marea di fondi per lo Stato non solo: il settore garantisce persino posti di lavoro e si parla, secondo recenti dati di circa 150mila occupati diretti ed indiretti.

Ad ora in Italia manca un vero e proprio quadro d’analisi sul consumo del gioco e sul suo eventuale abuso, tutto ciò scevro dai classici ragionamenti collegati al Gioco d’Azzardo Patologico.

I dati sul Rapporto 2017 sulla “Percezione sociale del gioco d’azzardo in Italia” parlano chiaro: in Italia il gioco è una passione condivisa da tantissimi cittadini eppure quando si parla di gioco si collega subito ai giocatori che cadono nella spirale della GAP, meglio nota come ludopatia, è bene ricordare però che coloro che cadono nel circuito della dipendenza sono veramente pochi.

Leggendo il Rapporto si nota come il 44% dei cittadini in età compresa fra i 18 ed i 75 anni ha giocato almeno una volta nell’ultimo anno tra di essi però i giocatori patologici sono meno del  0,9%.

In Italia ci si adegua a combattere l’azzardo con la fobia che la ludopatia si instauri come male sociale in tutta la popolazione ed allora ecco che norme regionali e deliberati comunali tendono a imporre orari di chiusura e apertura a sale gioco e locali con  le slot machine ma ormai spesso il giocatore d’azzardo interagisce online.

Lo ha capito benissimo la lottomatica codice promozionale che inizia ad investire sul settore gioco virtuale, non abbandonando certo quello fisico ma implementando ed migliorando l’offerta adeguandosi così alle esigenze del mercato italiano.

Quello che serve in Italia è comunque un equilibrio giusto, lo ha evidenziato in un recente intervento di presentazione del Rapporto, Gustavo Visentini. Per Visentini esistono le problematiche legate all’azzardo ma non è corretto creare intorno ad esso una aurea negativa.

Nei fatti il gioco d’azzardo legale esiste ed è quello che si può praticare nelle sale scommesse del mondo fisico o nei casinò digitali, probabilmente quello che manca all’Italia è un quadro normativo e legislativo che tenda a punire in modo grave sia i locali che impiantano macchinette slot truffaldine e sia chi crea siti web di gioco sostanzialmente illegali e non sotto l’egira del Monopolio di Stato.

Ad ora in Italia necessitano maggiori interventi contro le strutture illegali spesso in mano alla malavita organizzata o a speculatori internazionali in grado di dissolversi nel nulla al primo sentore di indagine.

Il Bel Paese ama da sempre tentare la sorte, basta pensare ai numeri del Lotto o alle lotterie istantanee Gratta & Vinci che sono le più ambite da tutti, le indagini di marketing collegate al settore spingono le società internazionali ad investire proprio sul nostro territorio cosa che può diventare importante sotto il profilo economico, probabilmente però i fondi ricavati da tali introiti potrebbero essere messi in uso per educare al gioco consapevole sconfiggendo così il timore di un aumento di dipendenze.

I video del giorno