Guidonia Montecelio, rifiuti e TMB, Cerroni: “Non saremo la pattumiera della capitale”

Spazzatura, Tmb, discarica ed inceneritori, la questione dei rifiuti è una delle più urgenti, delicate e difficili da affrontare. L’emergenza che sta attraversando Roma ha riacceso i riflettori su un argomento che sembrava uscito di scena per l’opinione pubblica. “La Provincia di Roma e, soprattutto, Guidonia Montecelio non dovranno essere la pattumiera della Capitale. Questo territorio ha già dato in passato. I problemi della Capitale non possono essere risolti fuori dal Gra” così ha commentato il candidato sindaco alle prossime elezioni di Guidonia Montecelio della coalizione civica Aldo Cerroni.
“Senza false promesse, senza progetti populisti e campati in area, ma con proposte chiare e realizzabili occorre intervenire su questo delicato, e vitale, tema – prosegue Cerroni –. La gestione del ciclo dei rifiuti guidoniani, e non, è al centro del nostro programma. È una questione da affrontare con massima serietà ed attenzione”.
“Bloccare il Tmb non è possibile, sarebbe da irresponsabili perseguire questa strada e si perderebbe tempo inutilmente. Tempo, invece, essenziale per scongiurare il rischio che l’impianto guidoniano accolga la montagna di spazzatura di Roma. Inoltre dal Tmb, ricordiamo, il Comune incasserà circa 1.3 milioni di euro l’anno. Soldi che devono essere utilizzati per il ciclo dei rifiuti e, quindi, nell’immediato verrebbero utilizzati per addolcire le bollette della Tari, oggi schizzata alle stelle”.
“Il Tmb dell’Inviolata dovrà accogliere la spazzatura di Guidonia Montecelio e, secondo la nostra coalizione, quella dei comuni del quadrante nord est della provincia – spiega Aldo Cerroni –. Si dovrà creare un Ambito territoriale ottimale, Ato, Guidonia 4 che accolga i rifiuti di tutti i centri limitrofi dove, peraltro, è stato avviato il porta a porta. Guidonia Montecelio si deve fare promotrice della soluzione del problema rifiuti, per questo quadrante. Non ci nascondiamo. Ma su questa scia vogliamo anche una moratoria, che tutti i comuni dell’Ato dovranno sottoscrivere ed approvare, per mettere al bando la possibilità di incenerire i rifiuti su questo territorio. Serve una forte presa di posizione per scongiurare questa eventualità”.
La prossima Amministrazione sarà chiamata ad affrontare un altro aspetto cruciale. “La discarica dell’Inviolata deve essere bonificata e ridotta, progressivamente – conclude Cerroni –, questo punto è ben chiaro nel nostro programma e sarà tra i primi interventi nell’agenda dei 100 giorni”.

loading...
loading...