Raggi: “Che nessuno molli di un centimetro, noi non lo faremo!”

Ancora un attacco vandalico al Servizio Giardini di Roma Capitale, il secondo in poche settimane.
Stavolta hanno danneggiato i nostri mezzi per la cura del verde pubblico e dei parchi: hanno colpito le attrezzature di Villa Lazzaroni nel VII Municipio causando danni per migliaia di euro. È un atto vile, ma non ci ferma. Anzi, ci spinge ad andare avanti, nonostante le difficoltà.




Forse, infatti, non tutti sanno che il Servizio Giardini di Roma era veramente un fiore all’occhiello della città e che la nostra Scuola Giardinieri era invidiata e copiata. Circa 20 anni fa contava circa 1800 giardinieri che si prendevano cura degli oltre 320 mila alberi, aree verdi, oltre parchi e ville storiche di cui Roma è ricca. Nel tempo, però, mentre il numero degli impiegati in questo settore così importante inizio’ ad abbassarsi, invece di assumere nuovi giardinieri, l’amministrazione penso’ di appaltare all’esterno il servizio.

Con così tanto verde, non è un caso che il settore sia considerato tra i più remunerativi… E mafia capitale lo sapeva bene!

Occorre ripulire anche qui e lo stiamo facendo.

Con l’unico problema che riguarda l’impossibilità di assumere nuovi dipendenti perché il governo, da qualche anno, ha imposto stringenti limiti assunzionali e nell’ultimo concorso, con assai scarsa lungimiranza, nessuno ha pensato di aprire una procedura anche per questa categoria.

Allora ci stiamo dedicando a far ripartire le gare (questo significa trovare soldi e avviare procedure, ormai lo sappiamo bene).
E’ un’operazione che comporta costi e sacrifici, oltre che un po’ di tempo.

Ma questa è la nostra risposta a chi danneggia i nostri mezzi. Non ci fermiamo. Andiamo avanti ancora più determinati.
Che nessuno molli di un centimetro: noi non lo faremo!

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8695 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.