Intervista ad Andrea Pirri Ardizzone (Il mestiere del regista low cost …)

Un vero e proprio exploit di visualizzazioni (mentre scriviamo quasi 1.300.00 visualizzazioni in pochi mesi) su You Tube il film Grosso Guaio a Roma Sud diretto Da Andrea Pirri Ardizzone.

Intervista.
Abbiamo visto su You Tube il film perché insomma di film si parla e la cosa che abbiamo notato è la scritta che compare all’inizio: film realizzato senza alcun contributo di stato. Questo è un po’ il vostro manifesto, vi sentite liberi da ogni vincolo e indipendenti: ho letto molti commenti come: “ Ah finalmente il cinema indipendente, continuate”.
Diciamo che il cinema indipendente non è quotato in Italia. Se ci fossero più possibilità per i nuovi aspiranti cineasti in Italia avremmo usufruito di finanziamenti ma nel momento in cui non abbiamo avuto neanche in precedenza nessun contributo, abbiamo deciso di autoprodurci e di conseguenza, portare in auge il cinema indipendente che all’estero, per esempio in America è importante. In Italia  si rischia di essere un sinonimo di straccioni.
Come si sono svolte le riprese, concretamente com’è stato il set di questo film
E stato un set molto difficile perché chiaramente non c’erano tutte le figure che servono quindi la ad esempio la segretaria di edizione. Il film è stato organizzato da me dal mio socio (anche assistente alla regia).Molti gli aspetti logistici da considerare, poi non avendo pagato molte figure professionali ma questo faceva parte degli accordi iniziali, si verificava spesso che magari noi ci organizzavamo per girare delle scene in un dato giorno in una data location e chi doveva girare le scene non si presentava. E’ stato difficile, il set è stato fermo diverse volte, non è stato un set continuo perché e durato trentacinque giorni ma non continuativamente.
Il risultato è fluido comunque non si percepisce questo guardando il film
Perché è stato un gande lavoro di montaggio.
L’autore del montaggio è Andrea Scarcella
Sì ed è anche co- regista: lo stesso montatore di Vietato Morire, un lungometraggio, un docu-film girato in un sert che è a Villa Maraini.
La suddivisione in capitoli di Grosso guaio a Roma Sud è un omaggio a Tarantino, perché le piace Tarantino?
Ci sono tanti omaggi nel film…a Tarantino, anche se non è tra i miei favoriti- Scarcella, è più patito di me- ci sono molto riferimenti a Pulp Fiction. In realtà l’uso dei capitoli nel film è per coprire molti che io credevo fossero buchi nella sceneggiatura. Poi alcuni temi escono fuori senza preparazione: ad esempio Colica si dichiara omosessuale e innamorato del Crucco.
Un tabù per il genere malavitoso
Un tabù per come viene intesa la malavita. C’è questo “machismo” ostentato. Anche il personaggio del macellaio compare d’improvviso.
Una cosa molta bella è che ci sembrava, in alcuni tratti, di rivedere girate le sequenze dei film di Caligari, in particolare di Amore Tossico: sembravano girate negli anni ottanta soprattutto l’incontro tra Andrea e uno spacciatore con i suoni e i rumori tipici della presa in diretta.
Sì questo sì, abbiamo raccontato in maniera vera.
La scelta della banda-con questo filone della malavita romana che va molto di moda -perché raccontare questa storia e non altro?
Volevamo prendere in giro questi stereotipi tra Romanzo Criminale e Gomorra che io trovo stereotipati. Molti personaggi sembrano in quei film infallibili senza un briciolo di umanità che poi è un falso: la gente che fa questa vita, non sempre così. In una banda possono esserci anche personaggi ridicoli.
Avrebbe avuto lo stesso successo nelle sale
Non potremo saperlo ma per avere una distribuzione, un film deve avvalersi di attori conosciuti che vendono e invece in questo caso sono tutti sconosciuti.
Adesso avrete tutto, visto il successo o resterete su You Tube?
Noi puntiamo a giungere nelle sale: abbiamo già in cantiere un film. Ci proporremo per ora come film dal low budget.
E’ solo una fase, dunque You Tube?
Non è detto il mercato online è un’altra cosa, su You Tube è difficile guadagnare- anche un milione di visualizzazioni non sono molti-non escluderei il web, bisogna creare delle piattaforme e farsi conoscere o essere già conosciuti. Ma puntiamo ad andare in sala. Prima di girare questo film ho girato dei videoclip rap era un modo per vedere come funzionava il set.
Un aneddoto durante le riprese
Tutto molto faticoso… io racconto sempre quella scena della rapina: c’è la signora anziana che viene uccisa, quel giorno dovevamo girare nel circolo anziani a Piramide e quella signora anziana non è venuta. Dovevamo girare e sono così andato a Trastevere, dove abito, per trovar un’anziana e portarla lì.
E’ stata bravissima la signora! Siete stati tutti bravi.
Quasi tutti gli attori provengono un contesto di strada.
Da quanto tempo vive a Roma lei che è nato a Palermo
Sono vent’anni.
Bene auspichiamo minor fatica, per il prossimo film
Più che altro un maggior ambito professionale che la fatica c’è sempre.

loading...
Maria Chiara D'Apote
Informazioni su Maria Chiara D'Apote 178 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.