Roma, commissione cultura, Guadagno: “Dobbiamo salvaguardare Cinecittà”

Cinecitta

“Nella seduta di ieri dell’Assemblea capitolina abbiamo approvato all’unanimità una mozione di grande importanza, volta a chiedere l’istituzione di un tavolo operativo intersettoriale tra Roma Capitale, Municipio VII, Regione Lazio e Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo che promuova il rilancio culturale delle produzioni cinematografiche e tuteli le competenze artistiche, degli stabilimenti e dei lavoratori degli Studios di Cinecittà. Fondati nel 1937 per volere di Mussolini e conosciuti come la “Hollywood di Trastevere”, gli Studios rappresentano la più grande città del Cinema in Europa, nella quale sono stati girati oltre 3000 film di cui 90 candidati al Premio Oscar. Tra questi, solo per citarne alcuni, si annoverano kolossal quali “Scipione l’Africano”, “Quo Vadis”, “Cleopatra”, “La dolce vita”, ma anche svariate serie televisive quali “Rome” e tante altre. Stiamo parlando, quindi, di un patrimonio storico, culturale ed economico di inestimabile valore, che insiste su una proprietà statale ed è attualmente sotto la tutela del Mibact. A causa del progressivo innalzamento dei costi dei servizi forniti dalla “Cinecittà studios Spa” alle produzioni cinematografiche, gli Studios di Cinecittà hanno perso competitività sul mercato cinematografico nazionale e internazionale, con conseguente perdita di clienti migrati verso altri stabilimenti. Inoltre, i lavoratori hanno denunciato una poco lungimirante gestione degli studi negli ultimi anni la quale, anzichè privilegiare la competitività per favorire l’attrazione delle produzioni cinematografiche, ha preferito puntare sul fenomeno dell’intrattenimento. Questa situazione sta destando parecchia apprensione non solo tra i tanti professionisti che, da anni, prestano la propria attività presso Cinecittà e vedono minacciato il proprio futuro lavorativo, ma anche tra coloro che riconoscono il grande valore storico, artistico e culturale degli stabilimenti. Noi crediamo che occorra tutelare la professionalità delle lavoratrici e dei lavoratori di Cinecittà, al fine di non disperdere il know how artistico che costituisce il vero patrimonio da condividere e tutelare. Abbiamo il dovere di salvaguardare il marchio di “Cinecittà” quale simbolo del cinema nazionale e patrimonio culturale del nostro Paese. In tal senso, sarebbe importante regolamentare la destinazione urbanistica delle aree insistenti all’interno degli stabilimenti di Cinecittà, tenendo conto della sua natura cinematografica ed escludendo la realizzazione di insediamenti a carattere puramente speculativo”. È quanto ha dichiarato la presidente della Commissione Cultura, Politiche giovanili e Lavoro, Eleonora Guadagno.

I video del giorno

Informazioni su Emanuele Bompadre 10492 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.