, MotoGP™, le libere in Texas vanno a Marquez

Primo verdetto ad Austin per la classe regina, il primato di Marc Marquez sulla pista nord americana non è messo in discussione nonostante un velocissimo Maverick Viñales (Movistar Yamaha). Il pilota Repsol Honda, interrotto vincitore al COTA, conquista la vetta del venerdì e risponde al rivale della scuderia di Iwata che aveva dominato la mattinata.




Il passo di Viñales è alto ma il pentacampione Honda nelle battute finali mette a referto il tempo di 2:04.061s come primato della giornata. Quello della FP1 del numero 25 è battuto.

Dietro a Marquez un velocissimo Johann Zarco (Monster Yamaha Tech3) a 0,2s dal campione del mondo. A fine della FP2 Viñales chiude come terzo a 0,390s da Marquez. Nelle qualifiche del sabato sarà ancora battaglia tra i due catalani.

Valentino Rossi brilla alla fine nel venerdì texano. Il Dottore si ferma a 0.745s dal pilota HRC dopo aver risalito la classifica nei passaggi finali. Una bella prova per in nove volte iridato, mai così competitivo nelle libere in questa stagione.

A chiudere le prime cinque posizioni Dani Pedrosa a conferma della forza del team Repsol che può vedere in modo positivo anche il settimo posto di Cal Crutchlow (LCR Honda).

A due facce il venerdì del Ducati Team restano. Andrea Dovizioso resta con i piloti di testa, è sesto a 0,7s dal primo crono mentre Jorge Lorenzo paga un distacco più grande, di oltre 1,2 secondi ed è fuori dalla top ten. Arretrato anche Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing) che chiuderà le prime libere come dodicesimo.

Al decimo posto Andrea Iannone che nelle fasi centrali di FP2 aveva portato la sua Suzuki del team Ecstar nelle prime cinque posizioni dopo che il compagno di box Alex Rins ha accusato una rottura meccanica in apertura di sessione

Aleix Espargaro si conferma il miglio pilota Aprilia Gresini e chiude il venerdì ad Austin come 14esimo.

Caduta alla curva 1 per Loris Baz, nulla di grave per il portacolori Reale Avintia Racing. Più pericoloso l’incidente a Karel Abraham (Pull&Bear Aspar Team) con la sua Ducati che resta in mezzo alla pista per diversi attimi.

Da segnalare la nuova carenatura del team Red Bull KTM con nuove soluzioni aerodinamiche.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8955 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.