Istruzioni per uno stupro

Il sinonimo di violenza sessuale è una parola breve, sei lettere appena, che però contengono una sofferenza  pesante come poche. La parola stupro ingloba umiliazione, dolore fisico, avvilimento, paura e soprattutto vergogna.

Non ho mai visto nessuna andare in giro a vantarsi di essere stata stuprata o comunicare alle amiche la notizia  come fosse un’attività di routine: palestra, happy hour e stupro. Il fatto è che lo strupro agita da qualche parte una quota di sospetto nell’immaginario collettivo, si  vuole essere certi che la vittima non  sia stata consenziente. L’accertamento, giustamente  approfondito, della violenza, prevede visite mediche e molte domande per appurare quanto sia stata coartata la volontà della donna, se c’è stato godimento, anche meccanico e involontario in modo da escludere che ci “volesse stare”.

Una sentenza italiana ha fatto discutere,  stabilendo che per una donna che non aveva urlato durante la violenza, non  si configurava il reato di stupro ravvisando  nel silenzio una qualche forma di accettazione  del rapporto sessuale. La sentenza ha sollevato polemiche  e in qualche caso commenti  ironici, ma di un’ironia alquanto preoccupata. Il motivo è comprensibile, difficilmente si reagisce ad un’aggressione come si sarebbe immaginato di fare, anzi il più delle volte la reazione è di stupore paralizzante. In tema con l’argomento un episodio avvenuto a Stanford negli Stati Uniti nel 2015 , riportato alla luce essendo il giudice   che emanò la sentenza,  oggetto di un provvedimento di rimozione.

Dunque in base alla ricostruzione  dei fatti un ventenne  stuprò una ragazza di diciassette anni nel campus dell’Università, attirandola in una zona buia, dove erano ammassati dei contenitori. Solo il passaggio di due giovani in bicicletta evitò il peggio alla ragazza, che fu ricoverata in ospedale in stato  d’ incoscienza. Il ventenne  fu condannato a sei mesi di reclusione, ma contro  la sentenza insorse il padre sostenendo che non era giusto rovinare la vita di un ragazzo per un gesto durato appena 20 minuti!  La vittima, nel vedere riaprire la vicenda, ha sentito la necessità di rendere pubbliche  non solo le visite a  cui dovette sottoporsi   per accertare la violenza subita, ma anche  le domande di ogni tipo che le furono rivolte per verificare se fosse  d’accordo, chiedendo a chi leggeva  se fosse stata  giusta  una condanna  a sei mesi  per un comportamento che ha stravolto la sua vita.

In molti casi di violenza giovanile si  reclama una maggiore partecipazione delle famiglie per recuperare i figli prima che distruggano le loro vite  e quelle degli altri. Cosa dire allora  di questo padre che valuta la violenza in base alla durata, orologio alla mano? Avrebbe preferito che il ragazzo violentasse la giovane per un giorno o due? O che nessuno si trovasse a passare per farla franca? Colpisce  l’assoluta mancanza di pentimento e di pietà per una vittima  tanto giovane, ridotta ad aver bisogno di cure in ospedale, ma fa riflettere  pure la concezione di una giustizia con “il tassametro”. Reato lungo, pena lunga. Reato breve, pena breve. Un uomo preoccupato  solo delle opportunità  sfumate in seguito alla diffusione della notizia, ma non della sofferenza inflitta. Senza contare, che poco cavallerescamente, il pargolo  cercò di sostenere che la ragazza era consenziente, avendo avuto un orgasmo, particolare che le visite   hanno escluso.

A pensare che altri genitori possano  ragionare allo stesso modo,  ritenendo sei mesi di reclusione troppi per un stupro, vengono i  brividi. Fermi sulla porta a raccomandare di prendere il maglione, le chiavi di casa e nel caso di un reato di calcolare bene il tempo per evitare  complicazioni. Forse è questo  il mondo in cui dobbiamo vivere e sarà il caso di attrezzarsi, perchè sono tanti i reati pericolosi che si possono compiere in poco tempo. Come li preferiamo? Brevi e violenti  o lunghi e intensi, compiuti con cura e  senza fretta? Se stiamo vivendo un film fateci andare via senza rimborsarci il biglietto, ma se non lo è…