WEC, 6 Ore Silverstone | Fine settimana dai due volti per Rigon

Inizio di stagione dai due volti per Davide Rigon sulla pista di Silverstone, teatro del primo appuntamento del Campionato del Mondo Endurance FIA WEC. Se nella sessione di qualifica il driver veneto marchia il miglior tempo in assoluto tra le vetture GT Ferrari portando la Ferrari 488 GTE numero 71 del team AF Corse al secondo posto, la 6 Ore gli regala solamente un quinto posto.

La corsa inizia subito in salita causa un contatto da parte della Porsche mentre al volante si trovava Sam Bird, costringendolo ad andare largo e perdere diverse posizioni. A quel punto il team opta per un doppio stint di gomme e pilota con Bird e Rigon che si lanciano in un recupero, frenato alla quarta ora da un errore di strategia aggravato da una severa penalità di quindici secondi quando Bird è stato considerato responsabile di un contatto con la Oreca del team Rebellion di Mathias Beche.

“Da una parte sono molto contento del risultato in qualifica. Ho fatto un giro perfetto. Più di così era impossibile fare. Le Ford in rettilineo erano più veloci di noi, ma la Ferrari 488 GTE si è dimostrata ben bilanciata. Purtroppo in gara ci è andato tutto storto. Il podio sarebbe stato alla nostra portata, ma l’errore della strategia si è rilevato fondamentale alla fine del risultato. Un quinto posto che ci va decisamente stretto. Voglio lasciarmi velocemente alle spalle questa gara e pensare subito al prossimo appuntamento su uno dei miei circuiti preferiti, Spa-Francorchamps” commenta Davide Rigon

In attesa della 6 Ore in Belgio (4-6 maggio) Davide sarà protagonista in prossimo fine settimana sulla pista di Monza nel primo appuntamento della Blancpain GT Series Endurance Cup al volante della Ferrari 488 GT3 del team SMP Racing.

 

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 7656 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.