Crollo in una scuola della provincia di Pisa. SI: “Basta propaganda “

All’Istituto Comprensivo “Livia Gereschi” di Pontasserchio è venuto giù un pezzo di solaio proprio sopra la postazione dei collaboratori scolastici e i detriti hanno ricoperto l’androne. Un caso isolato? Proprio no. Notizie come questa sono all’ordine del giorno nel nostro paese, ma non fanno notizia finché non ci sono vittime. In questo caso, per fortuna, l’evento è accaduto di notte. Fino a quando dobbiamo confidare nella buona sorte?

Su questo specifico caso Sinistra Italiana ha presentato un’interrogazione parlamentare con prima firmataria la Senatrice di Sinistra Italiana Alessia Petraglia che afferma: «Siamo vicini ai ragazzi e tutta la comunità che per fortuna ha evitato una tragedia. Quello che è accaduto non deve ripetersi, è un monito a tenere alta l’attenzione su ciò che ci preme di più, ovvero la salute dei nostri ragazzi e la sicurezza degli edifici dove passano buona parte della giornata».

«Come Sinistra italiana abbiamo richiesto fondi al Governo proprio per la messa in sicurezza delle scuole e chiarezza sul piano del Governo su scuole belle, scuole sicure e nuovi edifici scolastici, ma non c’è mai stata data risposta nonostante la lista degli interventi è lunga e importante».

Continua Claudia Pratelli, responsabile scuola, università e ricerca di Sinistra Italiana «Solo pochi anni fa il premier Renzi annunciava investimenti straordinari per l’edilizia scolastica twittando che sulla scuola #nonsischerza e annunciava il piano #sbloccascuola insieme alle magnifiche sorti e progressive della legge 107. La verità è che le scuole continuano a crollare e non possono essere terreno di propaganda».

La spregiudicatezza dell’ex premier è emersa anche qui: la competenza sull’edilizia scolastica è rimasta in capo alle province che, nonostante i proclami elettorali, non sono state affatto abolite, semplicemente non sono più organo eletto direttamente e hanno subito tagli draconiani (circa due miliardi in due anni secondo il Corriere della Sera). La scommessa sul referendum costituzionale perso dal Governo, l’esigenza di fare cassa e l’ossessione propagandistica hanno prodotto questo ennesimo mostro: enti non eletti direttamente cui rimangono funzioni importantissime come l’edilizia scolastica, privi di risorse per assolvere al loro mandato. Questo stato di cose non è più sostenibile: le scuole devono essere accoglienti e sicure, non luoghi a continuo rischio incidenti. Serve chiarezza sui soggetti istituzionali deputati ad assolvere a questa preziosa funzione e servono risorse vere per poter far fronte all’esigenza di messa in sicurezza delle nostre scuole.

«Apprendiamo con molta preoccupazione del crollo del solaio avvenuto Nell’Istituto Comprensivo ‘Livia Gereschi’ di Pontasserchio. La sicurezza delle scuole ci interessa in modo prioritario, perché siano dei luoghi dove si possa esercitare il diritto allo studio, senza alcun tipo di altra preoccupazione, ma ad oggi vi è un vuoto normativo sulla sicurezza delle scuole e sulle competenze degli Enti Locali».

Lo afferma la Sentrice di Sinistra Italiana Alessia Petraglia, prima firmataria di un’interrogazione al Ministero dell’Istruzione.

«Siamo vicini ai ragazzi e a tutta la comunità che per fortuna ha evitato una tragedia in quanto i fatti sono accaduti di notte. Quello che è accaduto non deve ripetersi – prosegue Petraglia – è un monito a tenere alta l’attenzione su ciò che ci preme di più, ovvero la salute dei nostri ragazzi e la sicurezza degli edifici dove passano buona parte della giornata».

«Come Sinistra italiana abbiamo richiesto fondi al Governo proprio per la messa in sicurezza delle scuole e chiarezza sul piano del Governo “su scuole belle, scuole sicure e nuovi edifici scolastici”, ma non c’è mai stata data risposta nonostante la lista degli interventi è lunga e importante», ha concluso l’esponente di Sinistra Italiana.
“Apprendiamo con molta preoccupazione del crollo del solaio avvenuto Nell’Istituto Comprensivo ‘Livia Gereschi’ di Pontasserchio. La sicurezza delle scuole ci interessa in modo prioritario, perché siano dei luoghi dove si possa esercitare il diritto allo studio, senza alcun tipo di altra preoccupazione, ma ad oggi vi è un vuoto normativo sulla sicurezza delle scuole e sulle competenze degli Enti Locali”.

Lo afferma la Sentrice di Sinistra Italiana Alessia Petraglia, prima firmataria di un’interrogazione al Ministero dell’Istruzione.

“Siamo vicini ai ragazzi e a tutta la comunità che per fortuna ha evitato una tragedia in quanto i fatti sono accaduti di notte. Quello che è accaduto non deve ripetersi – prosegue Petraglia – è un monito a tenere alta l’attenzione su ciò che ci preme di più, ovvero la salute dei nostri ragazzi e la sicurezza degli edifici dove passano buona parte della giornata.”

“Come Sinistra italiana abbiamo richiesto fondi al Governo proprio per la messa in sicurezza delle scuole e chiarezza sul piano del Governo “su scuole belle, scuole sicure e nuovi edifici scolastici”, ma non c’è mai stata data risposta nonostante la lista degli interventi è lunga e importante”, ha concluso l’esponente di Sinistra Italiana.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 7603 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.