Persiste il calo dei prestiti alle imprese artigiane

Le più recenti dinamiche del credito mostrano a dicembre 2016 un aumento tendenziale dello 0,2% dei prestiti alle società e alle imprese mentre i prestiti al totale delle famiglie aumentano dell’1,9%. Gli ultimi dati sui prestiti per dimensione di imprese relativi a novembre 2016 indicano un aumento dello 0,4% per i prestiti alle imprese medio-grandi mentre persiste il calo per le imprese di minor dimensione con i prestiti alle imprese con meno di 20 addetti in flessione del 2,0%. Il ristagno del credito alle imprese potrebbero influenzare negativamente la dinamica degli investimenti, che per il 2017 sono previsti in salita del 2,4%.

I dati resi disponibili grazie alla collaborazione con Artigiancassa indicano a settembre 2016 uno stock di prestiti concessi alle imprese artigiane di 42,9 miliardi di euro – il valore minimo degli ultimi quindici anni – che scende in un anno di 2,7 miliardi, pari al -5,8% (era -5,8% il trimestre precedente e -4,8% un anno prima). I prestiti a medio-lungo termine – che interessano maggiormente la domanda di investimento delle imprese – sono il 66,1% del prestiti e diminuiscono meno (-3,4%) dei prestiti a breve termine (-10,2%). In cinque anni (settembre 2011-settembre 2016) i prestiti all’artigianato si sono ridotti complessivamente di un quarto (-24,8%), pari a 14,1 miliardi di euro in meno, calo quasi doppio rispetto a quello del totale imprese (-13,9%).

Il dettaglio per regione e provincia dei prestiti all’artigianato nell’Elaborazione Flash “Trend del credito alle imprese artigiane a settembre 2016”. Clicca qui per scaricarlo.

Il calo dei prestiti alle microimprese non sembra determinato da condizioni strutturali di maggiore rischiosità: mediamente tra 2014 e 2016 i prestiti nei confronti delle società in condizioni economiche e patrimoniali equilibrate sono diminuiti solo per le microimprese (-2,2%) mentre sono sensibilmente cresciuti per le imprese grandi (5,9%); crescite più limitata per le medie (1,3%) e per le piccole (1,1%). In chiave settoriale i prestiti crescono del 2,3% per i Servizi, sono in lieve flessione dello 0,5% per il Manifatturiero e si osserva un calo sostenuto del 5,4% per le Costruzioni.

Le operazioni di rifinanziamento finalizzate (TLTRO) effettuate dalla Banca Centrale Europea non hanno determinato il cambio di segno nel credito alle imprese: dal loro avvio, a settembre 2014, i prestiti lordi alle società non finanziarie e alle famiglie produttrici sono scesi a dicembre 2016 di 52,1 miliardi di euro (-5,7%).

Più efficace la politica monetaria espansiva nel contenimento del costo dei prestiti: a dicembre 2016 il tasso di interesse sui prestiti pagato dalle società non finanziarie per nuove operazioni è pari all’1,54%, di 38 punti base più basso rispetto al valore di un anno prima e di 8 punti base più basso rispetto a quello pagato mediamente nell’Eurozona (1,62%).  A giugno 2016 le imprese con meno di 20 addetti pagano un tasso di interesse di 300 punti base più elevato rispetto alle medio – grandi.

In relazione al rilevante problema delle sofferenze bancarie – al terzo trimestre 2016 l’incidenza delle sofferenze sui prestiti al totale delle imprese è pari al 17,4% – si osserva che il 70,3% delle sofferenze nette si concentra sopra i 500.000 euro e si riferisce al 4,7% degli affidati, con un valore medio di 2,2 milioni di euro, maggiormente compatibile con il taglio del finanziamento di medie e grandi imprese. Nel triennio settembre 2013 – settembre 2016 l’importo delle sofferenze da 500.000 euro e oltre è salito del 45,6%, ritmo più che triplo rispetto al +13,8% delle sofferenze sotto tale soglia. Le sofferenze sono fortemente concentrate: l’81,1% si riferisce al primo 10% degli affidati ed il grado di concentrazione negli ultimi cinque anni è salito di 2,8%, la quota di sofferenze del primo 10% degli affidati sale dal 78,3% di settembre 2011 all’81,1% di settembre 2016.

 

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8310 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.