MotoGp, test: ancora Vinales

I secondi test del 2017 si chiudono nel segno di Maverick Viñales. Il portacolori Movistar Yamaha è il più veloce nella tre giorni a Phillip Island con il primato segnato venerdì 17 febbraio. Dietro di lui Marc Marquez (Repsol Honda). Valentino Rossi, compagno di scuderie del migliore di questo inizio anno, è undicesimo della giornata ma comunque veloce. Bene Dani Pedrosa, terzo; il numero 26 HRC torna nelle prime cinque posizioni con Andrea Dovizioso (Ducati Team) come settimo. Jorge Lorenzo, compagno di scuderia del romagnolo cerca il miglior passo ed è subito dietro, migliorando di passaggio in passaggio.

Anche nel terzo giorno le condizioni della pista sono buone, il vento è presente ma in minor intensità e la temperatura dell’asfalto a tratti sfiora i 45 gradi. Qualche nube minacciosa fa prevedere un rovescio temporalesco nel pomeriggio ma resta il sereno. Ieri si è girato tanto con molte scuderie che hanno quasi terminato i programmi di lavoro ma tutti i corridori venerdì hanno abbassato i propri tempi.

Un precampionato da assoluto protagonista quello di Viñales che dopo Valencia e Sepang fa suoi anche i test australiani. Competitivo su tutti i fronti, la sua prestazione conferma anche che la M1 2017 è attualmente la moto migliore e nelle mani di un giovane dalle grandi doti può diventare l’arma giusta per la vittoria. Il miglior tempo del numero 25, 1:28.549s, arriva al tredicesimo passaggio dei 101 effettuati con il quale domina per tutta la giornata la tabella crono. Nuovo telaio, nuove gomme è una serie di long run sono state le direttrici della scuderia dei tre diapason. Dall’altra parte del box Movistar, quella di Rossi, ci si è concentrati principalmente sulla lunga distanza. Il Dottore è sembrato avere il passo dei migliori e le sensazioni con la nuova moto e le novità stagionali sono più che buone. 1:29.470s è il crono del numero 46 con a referto 52 giri.

Chi è costretto ad inseguire è il campione del mondo. Per tutto il venerdì Marquez ha battuto tempi molto simili a quelli del connazionale di Yamaha percorrendo vicino a lui anche alcuni giri come per studiarlo ma senza mai avere la meglio in classifica. La RC213V è in crescita e ieri il talento di Cervera ha fatto 107 giri dimostrando una condizione fisica d’acciaio; inoltre il box HRC ha lavorato sull’elettronica e il nuovo motore ma ha testato anche delle nuove Michelin posteriore. Marquez ha chiuso il suo miglior passaggio in 1:28.843s. La situazione è buona e lo dimostra anche il terzo miglior tempo di Dani Pedrosa, al netto dell’attacco influenzale di giovedì in ottima forma. Rispetto ai rivali di Yamaha manca qualcosa, ma Honda si candida già come l’anti Viñales. Il campionato non è ancora iniziato e la sfida è viva: i due rivali sono stati gli unici a scendere sotto il muro dell’1:29s. Festa al box Repsol per i 24 anni del neo pentacampione.

Il Ducati Team lascia l’Australia con una grande mole di lavoro fatta ad ogni uscita dai box. Andrea Dovizioso conferma le buone sensazioni in sella alla GP17 e anche qualche problema in curva da risolvere, possibilmente prima del via stagionale. Il forlivese però ha un bel passo e la moto sembra adattarsi bene al suo stile.  1:29.248s il miglior crono di ‘Desmo Dovi’ che gli vale il settimo posto in tabella tempi. Diversa la situazione di Jorge Lorenzo, ad oggi staccato di circa 0,7s dalla vetta. Tanti giri a referto per il maiorchino ma il passo non è ancora quello che dovrebbe essere anche se il numero 99 sale in ottava posizione nel finale. Incoraggiante è la progressione di crono fatto dal giorno 1, passaggio dopo passaggio. Il modus operandi e la strada sono quelli giusti.

Andrea Iannone ha proseguito il perfezionamento della sua GSX-RR. Il portacolori Suzuki Ecstar ha messo a referto 77 giri con particolare attenzione al passo gara. I suoi test australiani sono tutto sommato soddisfacenti dopo gli ottimi tempi del giorno uno e le buone sensazioni riscontrate in sella alla nuova moto. Meglio del pilota di Vasto il compagno di squadra Alex Rins, sesto a circa 0,5s dalla vetta. Ottimi i test australiani per il giovane barcellonese nonostante una scivolata alla curva 2 senza conseguenze.

Jonas Folger è il quarto migliore delle prove. Il rookie del team Monster Yamaha sembra aver già capito come si va veloce su una MotoGP™ e i suoi crono si venerdì sono da concorrenza con la coppia Viñales-Marquez e soprattutto con Pedrosa, veterano della categoria. La M1 Tech3 è non sembra tanto diversa dalle sorelle ufficiali e il box lavora instancabilmente per affinare quella che è una moto esempio di equilibrio. Il tedesco arriva a 0,43s dal primo tempo ed è anche vittima di una caduta alla curva 1 mentre il suo compagno di box Johann Zarco è quattordicesimo.

Aleix Espargaro (Aprilia Gresini) è una delle rivelazioni di questi test. Ieri vicino ai primi la crescita della sua RS-GP ha fatto passi da gigante. “Stiamo facendo dei buoni test, sia dal punto di vista tecnico sia per quanto riguarda il feeling dei piloti”. Ha commentato Romano Albesiano, responsabile Aprilia, a margine del secondo giorno di prove. “Aleix sta continuando a lavorare sulla moto 2017 che aveva già giudicato favorevolmente nelle prove in Malesia, è stato molto veloce sia sul giro secco sia sul ritmo. Abbiamo fatto debuttare la carenatura anteriore 201, sicuramente la riproveremo”. Ad ogni uscita Espargaro ha trovato le migliori sensazioni soprattutto sull’anteriore e si è posizionato in chiusura delle prime dieci posizioni a 0,8s dal tempo di riferimento. Prove di crescita anche per Sam Lowes, rookie della classe e 21esimo della giornata.

Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing) ha lavorato sulla sua GP17. Il pilota di Terni si è concentrato sul ritmo con un miglioramento riscontrato sul passo gara mentre da rivedere è la prestazione sul giro singolo con gomme nuova; la sua giornata si è chiusa al 13esimo posto mentre il compagno di scuderia Scott Redding lascia i test australiani con il 20esimo tempo. Non il miglior risultato per il britannico rallentato da qualche problema nella preparazione della sua GP16 dopo un lavoro su elettronica e setting.

Meglio di Redding, al diciannovesimo posto, Alvaro Bautista (Pull&Bear Aspar) che nei primi die giorni è anche stato nelle posizioni di testa e la GP16 satellite si è dimostrata una moto in grado di tenere un buon passo. Nelle simulazioni di gara fatte venerdì invece lo spagnolo soffre qualche problema con le gomme. Dopo la pausa pranzo Bautista ha provato la seconda moto con un set-up diverso.

Buona prova per le Honda satellite, Cal Crutchlow (LCR Honda) e Jack Miller (Estrella Galicia 0,0 MarcVDS) lasciano Phillip Island rispettivamente come quinto e nono in classifica contendendo il distacco dalla vetta nonostante qualche problema sull’anteriore della loro RC213V non ufficiali.

Pol Espargaro e Bradley Smith (Red Bull KTM) chiudono come sedicesimo e diciottesimo. Il prototipo austriaco si dimostra affidabile e il lavoro del team nero-arancione è su elettronica e motore. La distanza dai piloti di riferimento è ancora tanta ma le terze prove ufficiali nella classe regina si possono considerare a segno più.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 7140 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.