Real Madrid-Napoli 3-1: Insigne provoca , il Real reagisce

Il Real Madrid si aggiudica la gara di andata per 3-1  ma non ipoteca il passaggio del turno; perdere con due goal di scarto al “Bernabeu” ci può stare e , francamente,  le polemiche dichiarazioni rilasciate a caldo da parte del Presidente e le critiche mosse alla squadra ed allenatore  da parte di  certi  giornalisti  ed addetti ai lavori, sembrano un po’  eccessive . Certo, la splendida rete del vantaggio, realizzata da Insigne dopo soli otto minuti,  aveva fatto sognare tutti  e autorizzato  a sperare in un finale di partita diverso;  si stava per materializzare il grande sogno  covato per settimane  ma era logico e prevedibile che una squadra del calibro del Real Madrid reagisse ed avesse nel dna la capacità di ribaltare il risultato. Se poi vogliamo entrare in una analisi più dettagliata  e valutare la prestazione dei singoli è facile notare come qualche azzurro, su cui Sarri in primis e tifosi  tutti  avrebbero sperato in qualcosa di più e meglio, sia venuto meno così come qualcun altro abbia sorpreso in positivo, ma capita spesso,  come in tutte le migliori partite; il Napoli ha lottato, ha tenuto il campo con dignità dal primo all’ultimo secondo di gioco e non è un caso che l’arbitro abbia decretato il finale di partita con gli azzurri in pressing alla ricerca del goal e sugli spalti i tifosi dei “blancos” invocassero con veemenza il fischio finale della giacchetta nera. Qualche napoletano, diciamolo chiaramente,   ha subìto  l’emozione di calcare un palcoscenico così prestigioso come il “Santiago Barnabeu”  ed ha giocato con il freno a mano tirato, Hamsik e Mertens su tutti, ma è stato anche bello vedere come lo scugnizzo napoletano per eccellenza, Lorenzo Insigne , abbia fatto tremare i 70.000 di fede madridista, con quella pennellata che ha  beffato il numero uno avversario oppure  come un ragazzino di appena 19 anni ed esordiente assoluto , Amadou Diawara, non si sia per nulla fatto  intimidire ed abbia affrontato i blasonati dirimpettai di centrocampo con la sicurezza  di un veterano. Certo poteva finire meglio se non ci fosse stata la reazione orgogliosa di campioni come Benzema o del pallone d’oro e campione d’Europa in carica Cristiano Ronaldo,  oppure se Casemiro non si fosse inventato un eurogoal ma , purtroppo,  certe cose  succedono  quando si gioca in casa della squadra detentrice del titolo e N.1 nel ranking mondiale! Non ci si scandalizzi per aver perso 3-1 sfiorando anche una rete clamorosa  con Mertens che , probabilmente,  avrebbe reso la sconfitta più digeribile laddove squadre più titolate  come il Barcellona e l’Arsenal hanno fatto il viaggio di ritorno con una valigia piena di reti e campioni del calibro di Messi hanno partecipato all’evento  come spettatori non paganti. Critici e tifosi avversari , prima di esercitare il diritto di critica o divertirsi nello sbeffeggiare gli azzurri dovrebbero ricordare la recente storia della Roma che , in Champions League,  ha rimediato sconfitte a dir poco umilianti e, quelle si, ingiustificabili come  l’1-7 contro il Bayern oppure il 6-1 contro il Barcellona per non parlare delle recentissima e  prematura eliminazione, nella meno blasonata Europa League dell’Inter o di altre squadre che la coppa sono costrette a guardarla in tv. E’ andato  male  il primo round, certamente,  ma il risultato autorizza a sperare ancora in un finale diverso, alla faccia di gufi ed ipercritici , il ciuccio è ferito ma non è morto!