19 febbraio 2017

Esportazioni auto, Italia 13esima nel mondo

 

Le automobili rappresentano il secondo prodotto al mondo di esportazione, sono dietro soltanto al petrolio greggio tanto che per il 2015 sono state stimate a 672,9 miliardi di dollari. Il fatturato globale di vetture esportate nel 2015 ha visto una crescita del 5,5% rispetto al 2011, ma una flessione del 5,2% rispetto ai 709,7 miliardi dollari del 2014. Sono i paesi europei a rappresentare il più alto valore in dollari delle esportazioni di automobi: circa  363,9 miliardi di dollari, il 54,1% delle spedizioni internazionali del settore. I mercati di riferimento cambiano a seconda dei marchi, ma le spedizioni hanno meta principalmente nei paesi dell’Europa occidentale, Asia e Africa. Nella classifica internazionale degli esportatori di vetture, L’Italia, osserva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, una delle nazioni storiche per la produzione automobilistica, si è fermata al 13esimo posto a 14 miliardi di dollari, che rappresentano il 2,08% dell’export mondiale. Primo paese esportatore è la Germania, da cui arriva ben il 22,7% del mercato mondiale, per un valore di 152,7 miliardi di dollari, quasi il doppio di quanto fa il pur forte Giappone, con 86,1 miliardi e il 12,7%. Germania e Giappone, del resto, hanno tra i salari più alti al mondo, eppure i suoi gruppi automobilistici (Volkswagen e Toyota in primis) sono in testa alle classifiche di vendita. Terzi gli Usa con l’8,7%, davanti a Canada e Corea del Sud, rispettivamente con il 6,7% e 6,2% dell’export internazionale. In Europa sono davanti Regno Unito (sesto al mondo, 5,8%), la Spagna (4,9%), il Belgio (4,10%) e la Francia (2,7%). Tra questi due ci si infila il Messico con 32,8 miliardi di dollari e il 4,9% delle esportazioni globali.

Giovanni D’AGATA