Roma, patrimonio, Santori, FDI: “Esposto alla corte dei conti su immobili museo della Shoah e comunità di Sant’Egidio”

“Ho depositato un esposto alla Procura generale della Corte dei Conti per danno erariale sulla vicenda riguardante l’assegnazione da parte della Regione Lazio di immobili per il Museo della Shoah, alla Comunità di Sant’Egidio e alla Onlus Intersos. Questi soggetti hanno beneficiato di un canone di locazione ricognitorio, secondo le indicazioni contenute nell’art.19 della legge regionale 12/2016, ovvero una sanatoria mascherata da una buona pratica, una sorta di condono/sconto sul pregresso di ben il 90%. Gli immobili che verranno affittati a canoni mensili irrisori per la grandezza degli spazi si trovano, rispettivamente, in via Florida 24, in via Anicia 7 e in via di Torre Spaccata 157, nel Municipio VI dove addirittura si concede l’immobile per l’apertura di un centro migranti per minori. In particolare, sorprende come i primi due beneficiari detenessero già gli immobili in questione senza titolo o con titoli scaduti, ai quali si aggiungeva una ingente morosità accumulatasi negli anni relativamente alla mancata corresponsione dei canoni-indennità di occupazione nel frattempo maturati. Nei loro confronti furono adottate nei confronti degli anni delle misure amministrative per il calcolo e la restituzione delle somme dovute alla Regione Lazio, per un importo di oltre 2 milioni di euro, formulando anche una diffida al rilascio degli immobili. Inoltre, non è stata pubblicata alcuna gara ad evidenza pubblica per questi immobili, di fatto escludendo ulteriori potenziali beneficiari dei beni regionali, creando una sorta di diritto di prelazione, contrariamente ai principi di pubblicità e trasparenza in linea con le direttive anticorruzione vigenti. In definitiva, risulta quantomeno misteriosa la concessione di immobili pubblici a soggetti morosi sullo stesso immobile di cui saranno beneficiari, e per di più senza riparametrazione al valore di mercato in virtù della loro ubicazione e della metratura, in una forzatura che può risultare un vantaggio economico a chi ne usufruisce. Spero che quanto prima si possa fare luce su questa vicenda poiché nessun soggetto in condizione di contenzioso con l’ente può ottenere un beneficio ulteriore con una concessione o locazione di un bene che ha sottratto ad una legittima assegnazione, occupandolo anche senza titolo, perché ciò equivale a favorire soggetti, paradossalmente, la cui morosità diventa un vero e proprio diritto di prelazione. Ora al presidente Nicola Zingaretti rimane una sola strada: recuperare i crediti vantati dalla Regione, mettendo altresì a gara gli immobili in un regolare bando pubblico”.

E’ quanto dichiara Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia