Roma, Villa Massimo, Palumbo, PD: “Riaprire spazio verde bloccato da contenzioso surreale”

“Un contenzioso, su una porzione di villa Massimo, pari a 400 metri, blocca l’intera fruibilità dello spazio verde che ha una superficie complessiva di 8000 metri quadri. E’ una situazione surreale. Lo stop ad  un cantiere che avrebbe violato i vincoli paesaggistici impedisce il godimento della villa da parte dei cittadini del municipio che da alcuni anni ne chiedono la riapertura. Tutto avviene mentre  bar e ristorante continuano la loro attività e il resto del verde pubblico rimane off-limits. L’audizione dei cittadini e dei rappresentati del Municipio 3° nell’odierna seduta della commissione trasparenza ha evidenziato una stallo tecnico amministrativo che riguarda la possibilità revisione della concessione  del punto ristoro alla luce dei vincoli paesaggistici emersi.  Il Presidente del Municipio II Francesca Del Bello nel frattempo, in collaborazione con il Mibact  sta procedendo alla redazione di un nuovo progetto  per la costruzione e la gestione del Punto Verde Infanzia. Un decisione presa nel rispetto della sentenza del Consiglio di Stato che accoglieva il ricorso dei cittadini e concordata con il Dipartimento Ambiente, con il precedente Assessore Paola Muraro  e con l’attuale Assessore all’Ambiente Montanari. Le traversie di una concessione autorizzativa relative ad un  punto ristoro non possono privare  i cittadini di uno spazio pubblico essenziale. Si dia seguito al progetto della Presidente Del Bello elaborato in collaborazione con il Mibact e si convochi rapidamente una conferenza dei servizi per rivedere le concessioni tenendo conto dei  vincoli paesaggistici che  preservano il carattere e l’integrità di villa Massimo.”




E’ quanto dichiara in una nota il Presidente della commissione trasparenza Marco Palumbo.

Informazioni su Emanuele Bompadre 10121 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.