27 febbraio 2017

Fini indagato per riciclaggio, lui: “Atto dovuto, fiducia nei magistrati”

Gianfranco Fini è indagato per riciclaggio: l’ex presidente della Camera e leader di Alleanza nazionale ha ricevuto oggi un avviso di garanzia. L’inchiesta, condotta dalla Procura di Roma, vede indagati per i reati di riciclaggio, reimpiego e autoriciclaggio- a partire dal 2008- anche la compagna di Fini, Elisabetta Tulliani, e i suoi familiari, il fratello Giancarlo e il padre Sergio. Nei loro confronti è scattato oggi un decreto di sequestro preventivo di beni per circa cinque milioni di euro, eseguito dal Scico della Guardia di finanza e disposto dal gip: a tanto ammonta, secondo gli inquirenti, i profitti del riciclaggio portato avanti a partire dal 2008.

Fini sarebbe stato iscritto nel registro degli indagati alla luce di quanto emerso nelle perquisizioni eseguite nel dicembre 2016 a Sergio e Giancarlo Tulliani. Il 13 dicembre scorso venne anche arrestato, mentre si trovava ai Caraibi, l’imprenditore siciliano Francesco Corallo, accusato insieme ad altri soggetti considerati suoi stretti collaboratori di associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio, peculato e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte. I guadagni ottenuti col riciclaggio da Corallo (oltre 250 milioni di euro) sarebbero stati utilizzati dal catanese per nuove attività economiche, ma in parte sarebbero stati destinati anche alla famiglia Tulliani.

FINI: “AVVISO GARANZIA ATTO DOVUTO, FIDUCIA NEI GIUDICI”

“L’avviso di garanzia è un atto dovuto. Ho piena fiducia nell’operato della magistratura, ieri come oggi”. Così l’ex presidente della Camera, Gianfranco Fini, sull’inchiesta della Procura di Roma che lo vede indagato in concorso in riciclaggio.

ECCO IL COMUNICATO DELLA GDF CHE SPIEGA IL SEQUESTRO

All’esito di articolate indagini della Procura di Roma, Direzione distrettuale antimafia, i finanzieri del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata della Guardia di Finanza (S.C.I.C.O.) hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Roma nei confronti di Sergio Tulliani, Giancarlo Tulliani ed Elisabetta Tulliani per un valore di circa 5 milioni di euro, con riferimento ai reati di riciclaggio, reimpiego ed autoriciclaggio posti in essere dal 2008. Tali reati hanno condotto ad un profitto illecito superiore a 7 milioni di euro. La ricostruzione delle condotte delittuose costituisce approfondimento investigativo dell’attività d’indagine che già aveva condotto all’emissione, in data 13 dicembre 2016, dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Francesco Corallo, Rudolf Theodoor Anna Baetsen, Alessandro La Monica, Arturo Vespignani e Amedeo Laboccetta in quanto capi e partecipi di un’associazione a delinquere a carattere transnazionale, dedita ai reati di peculato, riciclaggio e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte. Il profitto illecito dell’associazione, oggetto di riciclaggio, una volta depurato, è stato impiegato da Francesco Corallo in attività economiche e finanziarie, nonché in acquisizioni immobiliari. Ma è stato destinato anche ai membri della famiglia Tulliani.

Le perquisizioni a carico di Sergio e Giancarlo Tulliani, eseguite contestualmente all’ordinanza di custodia cautelare, nonché l’esito degli accertamenti bancari sui rapporti finanziari intestati ai membri della famiglia Tulliani hanno disvelato nuove condotte di riciclaggio, reimpiego ed autoriciclaggio poste in essere da Sergio, Giancarlo ed Elisabetta Tulliani. Costoro dopo aver ricevuto, direttamente o per il tramite delle loro società offshore, ingenti trasferimenti di denaro disposti da Francesco Corallo ed operati da Rudolf Baesten, privi di qualsiasi causale o giustificati con documenti contrattuali fittizi, hanno ulteriormente trasferito ed occultato, attraverso operazioni di frazionamento della provvista illecita e movimentazioni reciproche, il profitto illecito dell’associazione utilizzando propri rapporti bancari, accesi in Italia e all’estero.

Oggetto di queste vorticose operazioni, tra l’altro, sono stati i 2,4, milioni di euro, direttamente ricevuti da Francesco Corallo e, successivamente, trasferiti da Sergio Tulliani ai figli Giancarlo ed Elisabetta per essere reimpiegati in acquisizioni immobiliari siti nel comprensorio di Roma e provincia. Nonché il rilevante plusvalore di oltre 1,2 milioni di euro, derivante dalla vendita dell’appartamento di Montecarlo, già di proprietà di Alleanza Nazionale di cui erano divenuti proprietari, di fatto, i fratelli Tulliani, a spese di Francesco Corallo, il quale aveva anche provveduto all’intera creazione delle società off shore dei Tulliani, conclude la Guardia di Finanza di Roma.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 6836 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.