Roma, via Satrico, provoca un incidente e scappa: arrestato dalla polizia locale

Erano le 12:00 circa di ieri. Due giovani di nazionalità peruviana a bordo di una Citroen, in via Satrico, dopo aver investito un motociclista si sono dati alla fuga senza prestargli soccorso.
Una pattuglia sul posto, appartenente alla direzione Sicurezza Urbana della Polizia di Roma Capitale, grazie a indicazioni di alcuni passanti, è partita all’inseguimento raggiungendoli dopo alcune centinaia di metri.
Affiancati con l’ordine di fermarsi, più volte i fuggitivi hanno tentato di speronare gli agenti, perdendo però il controllo del mezzo, andando a sbattere contro un’auto in sosta in via Domodossola.
Scappati a piedi, uno è stato subito raggiunto, bloccato e arrestato. I rinforzi, nel frattempo giunti sul posto, hanno iniziato la ricerca del complice: nonostante la preziosa collaborazione di passanti e negozianti, l’uomo è alla fine riuscito a far perdere le sue tracce entrando in un supermercato di Piazza Re di Roma, dileguatosi poi da una delle delle tre uscite.
All’interno dell’auto, sprovvista di assicurazione e intestata a persona irreperibile, sono stati trovati due zainetti e una borsa da donna, risultata rubata la mattina stessa. Addosso all’arrestato, invece è stato trovata una consistente somma in denaro contante, un cellulare e una carta di credito appartenenti alla donna derubata, che poi in centrale ha recuperato i suoi averi.
L’arrestato, J.M. nato nel 1970 di nazionalità peruviana, è risultato senza fissa dimora: dopo essere stato condotto in centrale, ha continuato a tenere una condotta violenta, mordendosi più volte la lingua e sputando sangue contro gli operanti, denunciando di avere la tubercolosi.
Portato in ospedale per le necessarie visite è risultato sotto effetto di cocaina, ma non malato di TBC. A sua carico precedenti specifici per rapina e altri reati. Lunedì mattina comparirà davanti al Giudice con accusa di ricettazione, resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale.
Le indagini e le ricerche del presunto complice sono tuttora in corso, anche mediante l’utilizzo di immagini acquisite dalle telecamere di sorveglianza della zona.