Fiumicino, scuola, i sacchi della spazzatura? Li deve portare l’alunno

Che la scuola pubblica abbia dei problemi questo lo si sa da tempo con un evoluzione che ha fatto si che nel corso degli anni gli istituti siano stati costretti a chiedere aiuto alle famiglie degli alunni.

Queste ultime hanno così dovuto metter mano al portafogli non solo per i libri,  ma anche per le mense scolastiche e il trasporto e, negli ultimi anni, anche nei consumabili quali risme di fogli A4, tovagliolini e carta igienica per esempio, in alcuni casi addirittura toner per le stampanti. Questo fa si che il divario tra pubblico e privato aumenti in maniera esponenziale e suddivida ancor di più la cittadinanza  tra chi può e chi non può.

Nell’ultima settimana con la circolare N° 101 il dirigente scolastico della Lido Faro di Fiumicino ha fatto recapitare un’informativa in cui, si legge formalmente: “Purtroppo dopo una fornitura iniziale di sacchetti biodegradabili compostabili per gli scarti alimentari ed organici da parte del comune, la scuola dovrebbe provvedere all’acquisto per le successive necessità ma, come crediamo sia a conoscenza di tutti, il costo di questa tipologia di sacchetti è decisamente alto… ogni alunno, una volta al mese porterà in classe un sacchetto biodegradabile compostabile…”

Sia chiaro in discussione non c’è sicuramente la spesa, ma il modo, ogni cittadino paga per dei servizi che deve ricevere, e che qui invece non sta avendo. La famosa tassa sull’immondizia è senza dubbio una di quelle che gravano molto sul bilancio familiare e, da quando è partita la differenziata, gli “onesti” si stanno impegnando a seguire le direttive rilasciate, ma costantemente vediamo cumuli di di spazzatura in diverse strade del comune, sicuramente furbetti della tassa che non hanno potuto prendere i mastelli, ma proprio per questo  è urgente un netto cambio di tendenza, la scuola denuncia il fatto che non può comprare i sacchetti per l’umido? Benissimo allora che il comune faccia in modo di sanzionare e multare chi va contro le regole e aiuti la scuola a “mantenersi”, probabilmente non sarà l’iter corretto perchè le scuole dipendono dal ministero della pubblica istruzione, ma qui si va oltre alla burocrazia, qui si deve tutelare il cittadino che non può essere sempre e solo l’unico a pagarne le conseguenze. Gli onesti vanno tutelati e non spremuti perché “essere buoni non significa essere fessi”.

Su questa vicenda è scesa da subito in campo Assotutela con i rappresentati e coordinatori territoriali Mauro Carfagna e Alessio Territo, della Lista  Maritato Sindaco, che si sono attivati per chiarire le responsabilità non solo dell’istituto ma anche delle istituzioni.

I video del giorno