Roma, spaccano un’edicola e portano via centinaia di gratta e vinci: fermati dalla polizia

I tre uomini, due albanesi ed un montenegrino, che la notte scorsa hanno scassinato un’edicola di Castel Giubileo, sono finiti in manette ancor prima che la vittima si accorgesse del furto.

Poco dopo le 3 di notte, sul Grande Raccordo Anulare all’altezza della Salaria, una pattuglia della Polizia di Stato, ha iniziato a seguire una vecchia berlina scura che gli agenti del reparto volanti avevano giudicato come “sospetta”.

A bordo della vecchia Volvo c’erano tre uomini; quando i poliziotti hanno intimato l’alt al conducente, l’uomo che era seduto sul sedile posteriore, ancor prima che l’auto accostasse, ha lanciato dal finestrino un grosso cacciavite, successivamente recuperato dagli stessi agenti.

Sotto uno dei sedili dell’auto c’erano varie mazzette di “gratta & vinci”, un sacchetto pieno di monete, guanti da carpentiere e due grossi cacciaviti.

Proprio mentre gli uomini delle volanti stavano controllando M.E., 26 anni albanese, K.V., 28 anni albanese, e P.M. , 36 anni montenegrino, è arrivata via radio la segnalazione della “spaccata” di un’edicola   avvenuta pochi minuti prima in zona Castel Giubileo, ovvero poche centinaia di metri da dove le volanti avevano iniziato a seguire la Volvo.

La conferma che i tre fermati erano le persone che avevano saccheggiato l’edicola è venuta poco dopo in commissariato. Gli agenti incrociando gli elementi raccolti sul luogo del reato con quanto sequestrato ai tre esteuropei hanno potuto formalizzare l’arresto con l’accuso di furto aggravato.

In commissariato è stato anche convocato il proprietario dell’edicola che, dopo essere rientrato in possesso di quello che gli era stato rubato, ha voluto stringere la mano ai poliziotti.

I video del giorno