Frosinone, truffatrice online denunciata dalla Polizia di Stato

 




 

Personale della Squadra Volante della Questura ha depositato in Procura gli atti relativi ad un’indagine, iniziata quando una giovane donna, residente nel frusinate, ha denunciato di aver subito una truffa online.

I fatti risalgono al 17 dicembre dello scorso anno, quando la 23enne ha acquistato attraverso  Facebook  un paio di scarpe ed una borsa, apparentemente griffate al costo irrisorio di euro 56.60, comprensivo delle spese di spedizione.

Dopo aver effettuato  la transazione, mediante due ricariche sul numero di una carta di credito ricaricabile che le era stato fornito ed inviata la copia dell’avvenuto pagamento, si è accorta che la “venditrice” le aveva tolto l’amicizia  dal profilo facebook e pertanto lo stesso  non è risultato più visibile all’utente.

Trascorsi alcuni giorni, non ricevendo più notizie, né tantomeno la consegna della merce, la ragazza decide di recarsi in Questura, raccontando l’accaduto e formalizzando la denuncia.

Scattano le indagini: gli inquirenti, dopo capillari ed approfonditi accertamenti tecnici ed investigativi, risalgono all’identità della persona che si nasconde dietro un falso profilo facebook.

E’ una donna originaria dell’Umbria, di 38 anni con precedenti per reati contro il patrimonio, attualmente non in Italia: le ultime tracce seguite dagli inquirenti la collocano in Svezia.

La truffatrice ha “incastrato” oltre 110 ignari acquirenti online, uomini e donne e di tutte le età.

Dagli accertamenti effettuati la 38enne ha  messo a segno la sua attività illecita sempre con lo stesso “modus operandi” e cambiando di volta in volta profilo facebook :  le somme di pagamento richieste sono state sempre inferiori ai 100 euro, probabilmente per non incentivare le vittime a fare denuncia e a  mettere in moto la macchina della giustizia.

Dopo la giornata del “Safer Internet Day”, l’invito della Polizia di Stato agli utenti del web, di tutte le  età, è di utilizzare la rete con consapevolezza, per non incorrere nella “trappola” di malintenzionati, che si nascondono dietro falsi profili sui Social Network  e che colpiscono a vasto raggio , dalla pedopornografia al cyberbullismo alla truffa online.

In particolare, ricorda la Polizia di Stato, diffidare sempre delle offerte online, di prodotti “griffati” o di pregio a prezzi irrisori, poiché dietro apparenti “affaroni” si nascondono inevitabilmente vere e proprie truffe.

Oggi pomeriggio rappresentanti della Questura di Frosinone saranno a Cassino, per la seconda tappa del tour informativo “occhio alle truffe” del 2017, dedicato agli over ’65, ma l’invito è esteso a tutti, perché la “vittima” delle truffe non ha età.

“Non siete soli#chiamateci sempre” è la parola d’ordine della Polizia di Stato, per sensibilizzare i cittadini ad evitare la “trappola” dei truffatori.

Informazioni su Samantha Lombardi 4730 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it