11 dicembre 2016

Abd al-Sabur: “Moschee a Milano? Bene le decisioni del Sindaco Sala”

Il dottor Abd al-Sabur Turrini, Il direttore generale del Coreis, Comunità Religiosa Islamica Italiana, è intervenuto ai microfoni di Legge o Giustizia su Radio Cusano Campus per commentare l’annuncio del sindaco di Milano Beppe Sala relativo alla costruzione di una o più moschee nella città meneghina nel giro di un paio d’anni. “Siamo all’inizio di un percorso interessante. La vicesindaco Scamuzzo aveva presentato il 27 settembre scorso la proposta per fare una mappatura di tutte le realtà religiose sul suolo milanese al fine di prevedere, nel piano di governo del territorio, quelle realtà già presenti nel suolo milanese e che dovrebbero essere regolarizzate. Questo è un passo avanti rispetto alla prospettiva poco realistica dei bandi passati, nei quali erano state individuate delle aree di culto non idonee e soprattutto si prevedeva ci fosse una grande moschea. E’ invece più proficuo e funzionale, nel rispetto della pluriformità e diversità della comunità islamica, che ci siano diversi luoghi di culto ben inseriti e regolarizzati all’interno della città. Il bando è naufragato perché Milano non ha bisogno di una grande moschea né di grandi aree di culto. Avrebbe dato la gestione di una grande area, come il Palasharp, ad una realtà come il CAIM nella quale, di sicuro, non si riconoscono tutte le realtà islamiche. La comunità islamica italiana è molto variegata. Gli interlocutori dovevano essere quelle comunità religiose islamiche che hanno dimostrato di essere state capaci di avere un dialogo religioso con le altre confessioni, ebraismo e cristianesimo in particolare, e fare un proficuo dialogo istituzionale. Quindi in piena trasparenza sia nella gestione del culto che nei contenuti espressi”. Turrini spiega anche le differenza tra COREIS e CAIM: “Siamo indipendenti da qualsiasi prospettiva ideologica e non abbiamo la pretesa di voler rappresentare tutto l’Islam. Noi vogliamo prediche in italiano, assolutamente. L’Islam è una religione universale ma se si predica in Italia bisogna farlo nella lingua che può essere compresa dalla comunità alla quale ci si rivolge”. Infine una considerazione sul fatto che l’Islam, la seconda confessione in Italia, non si ancora stata riconosciuta dall’Italia, e quindi non può accedere, ad esempio, all’8×1000. “L’Italia è l’ultimo paese in Europa a non aver riconosciuto l’Islam a livello di rapporto con le intese e le comunità religiose. Ci sono circa un milione e 800 mila musulmani in Italia. L’intesa non c’è, servirebbe anche per disciplinare la costruzione delle moschee. L’Italia è un po’ acerba a livello di integrazione rispetto a Paesi come Francia, Germania ed Inghilterra: il cammino dell’intesa sarà ancora lungo”.

http://www.radiocusanocampus.it/podcasts/10724.mp3

Fonte: Radio Cusano Campus