4 dicembre 2016

Fisco, Beretta: “Abolizione Equitalia, ecco come cambierà l’approccio”

Pier Paolo Baretta, Sottosegretario al Ministero dell’Economia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

88 miliardi di tasse non pagate tra il 2010 e il 2014.  “Alle spalle abbiamo già un lavoro perché quest’anno abbiamo avuto un intervento di recupero dell’evasione, soprattutto sull’Iva –ha spiegato Baretta-. Quello che pensiamo di fare è superare Equitalia nell’arco di 6 mesi, ma per tutto il prossimo anno consentire a coloro che hanno delle pendenze nei confronti dello Stato di pagarle, ma senza il sovraccarico che deriva dalla sovrapposizione di sovrimposte, di multe, che hanno il difetto di moltiplicare di molto il debito originario. Non faremo uno sconto sul capitale da pagare”.

Abolizione equitalia. “Cambierà l’approccio –ha sottolineato Baretta-. Si lavora per la realizzazione del rapporto tra il fisco e l’utente, anche di tipo preventivo, con un messaggio che avviserà il cittadino. E’ chiaro che questo significa che bisognerà essere poi rigorosi nel far rispettare la richiesta di pagamento”.

“L’evasione italiana –ha aggiunto Baretta- è superiore alla media degli altri Paesi e rappresenta un buco enorme nei confronti dei contribuenti onesti, ma anche della possibilità di gestione delle risorse. 100 miliardi sono una cifra impressionante”.

L’Iva è l’imposta più evasa. “Un motivo è che in molte situazioni è la più facile da evadere, perché è quella che ha bisogno di una certificazione –ha affermato Baretta-. Poi ci sono i contributi previdenziali, un’altra delle voci più evase”.

Detraibilità completa delle spese. “Le voci disponibili per ciascun italiano sulla quale operare delle detrazioni o delle deduzioni sono oltre 700 –ha spiegato Baretta-. E il valore complessivo di minori entrate per lo Stato sono 250 miliardi di euro. Quindi lo Stato ogni anno non incassa 250 miliardi a fronte delle 700 voci che gli italiani utilizzano legittimamente per fare le detrazioni. Questo va tenuto presente perché il ragionamento non è quello di esentare tutto perché rischieremmo di non avere più un’imposizione fiscale, il ragionamento è di scegliere nuove forme di detrazione in sostituzione anche delle vecchie”.

Fonte: Radio Cusano Campus