10 dicembre 2016

MotoGp, Motegi 2016: la pagella del Dicos

MARC MARQUEZ 10: A 23 anni conquista il quinto titolo mondiale, il terzo nella top class, la cinquantacinquesima vittoria e l’ottantanovesimo podio. Numeri che sono espressione di un talento tra i più grandi della storia del motociclismo. Si porta al comando dopo poche tornate e come una tigre ha corso rapido sulla preda più prelibata, quella del successo. Questo mondiale, a mio parere, è il più bello della sua serie perché vinto in sella ad una moto non all’altezza della rivale principale. Laddove non è arrivata la tecnica sono arrivati l’intelligenza ed il talento. Quando poteva vincere l’ha fatto, altrimenti si è accontentato del miglior risultato possibile. Sono d’accordo con chi ha affermato che ha con le gare un approccio simile a quello di Valentino e lo stesso rapporto con l’ambiente, perchè usa l’allegria come strumento in un lavoro che di per sé può essere stressante. E’ fantastico quando, nel dopo gara, ammette di avere avuto culo…..Poche chiacchiere, il migliore!

 

ANDREA DESMODOVI 9: La piazza d’onore regala un sorriso ad un pilota che tra una sfortuna e l’altra ha raccolto meno di quanto meritasse. Certo è stato agevolato da alcune cadute ma è pur vero che è stato abile nel non commettere errori. Vedere un italiano su un’italiana ben fare nella terra del sol levante è tanta roba. Bravo!

 

MAVERICK VINALES 8: Lo spagnolo di casa Suzuki, dopo un inizio gara non proprio esaltante, acciuffa nelle fasi finale l’ultimo gradino del podio, beffando il compagno di squadra. Bravino!

 

VALENTINO ROSSI 4: Dopo aver messo le mani sulla pole position, la sessantaquattresima della carriera, tutti si aspettavano una gara d’attacco, da coronare con una bella vittoria. D’altronde la moto migliore del lotto è la sua, ma…..al sesto passaggio, mentre era secondo, alla curva 10 (la sorte alle volte sembra irriverente….) scivola e va per ghiaia. Caduta che rimanda all’anno prossimo le speranze iridate. Qualcuno ha parlato di pressione psicologica da biscotto spagnolo, altri di semplice evidenza della superiorità del suo avversario. In molti hanno detto che a 37 anni non deve dimostrare più nulla. Non sono d’accordo, perché se a 37 anni se si è in sella ad una Yamaha M1 ufficiale così come si prendono gli elogi si ricevono anche le critiche. Pertanto a 37 anni Rossi è il primo degli sconfitti dal talento di Maquez, punto. Se vogliamo trovare, poi, delle ragioni nei mancati successi delle ultime annate, queste non vanno ricercate, secondo me, nell’età. Se non erro, l’ultimo titolo l’ha vinto a 30 anni; se per 7 anni il mondiale è diventato una chimera (senza fare la dietrologia di chi richiama, rifacendosi alle parole di Capirossi, certe cose strane avvenute in passato) è perché semplicemente non è stato il migliore. Nello sport, come nella vita, si vince e si perde. Sconfitto!

 

JORGE LORENZO 4: Il maiorchino ha avuto servito su un piatto d’argento la possibilità di allungare sul compagno di squadra e tenere ancora in vita il campionato ma a meno 5 dalla bandiera a scacchi scivola. Certo era sotto effetto di antidolorifici, ma l’errore resta grave, specie per un rider scafato come lui. Bocciato!

 

DANI PEDROSA: A Pompei c’è un santuario; consiglio una visita.

 

HONDA: Veloce con Marquez.

 

YAMAHA: Resta veloce nonostante Rossi e Lorenzo.

 

DUCATI: Rapida.

 

SUZUKI: Rapidina.

 

APRILIA: Rapiduccia.

 

TELECRONACA: Da urlo prima della scivolata di Rossi, poi scompare. Le voci tornano, coincidenza, dopo quella di Lorenzo.

 

 

BISCOTTI: Una volta, per coprire certe vergogne, si usavano le foglie di fico. Oggi, i soliti noti, adoperano i biscotti. De gustibus……

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.