3 dicembre 2016

La Roma espugna il San Paolo e vola al secondo posto. Napoli è crisi!

Una gagliarda Roma espugna il S.Paolo con il risultato di 3-1  ed in un colpo solo guadagna il secondo posto in classifica, il ruolo di anti-Juve della stagione ed una vagonata di autostima. Si sapeva che una sconfitta con la Roma avrebbe fatto più male del solito :  sette punti di distacco dalla vetta rappresenta uno svantaggio troppo grande da colmare dopo appena otto turni di campionato, la Juventus inoltre  è una squadra  da sempre abituata a comandare in classifica  e difficilmente portata a dilapidare un vantaggio così cospicuo ; essere sconfitti , poi, sul proprio terreno da una diretta concorrente dà un ulteriore segnale di resa non solo perché ridimensiona  le ambizioni scudetto ma complica  anche i rapporti con le dirette concorrenti per i  posti nobili della classifica.

Che il Napoli attraversi una fase involutiva dal punto di vista tecnico-tattico è ormai sotto gli occhi di tutti: non è più quella splendida macchina da goal delle prime giornate di campionato, negli ultimi quattro turni ha segnato appena tre reti , la difesa continua a collezionare errori e sbandamenti non compensati più dalle prodezze dei compagni  del reparto avanzato. Il centrocampo ,inoltre, vive il peggior periodo della gestione Sarri: Jorginho, in netta fase calante , da un po’ di gare con stucchevole ripetitività si limita a servire il compagno più vicino  con passaggi  arretrati , incapace  sia di offrire la giusta copertura al reparto arretrato che di dare fosforo alle manovre di  attacco, lasciando sulle spalle del povero Allan tutto il peso di quello che è notoriamente il reparto cardine di una squadra di calcio. Ma forse ciò che preoccupa maggiormente la tifoseria di fede azzurra è il momento particolarmente negativo del tecnico partenopeo .

Diciamolo chiaramente senza troppi giri di parole : il vero sconfitto del “derby del sud” è stato  Maurizio Sarri! Il Mister toscano è uscito con le ossa rotte  dallo scontro con il collega romanista : Spalletti ha saputo gestire lucidamente la gara dall’inizio alla fine , imbrigliando prima le manovre degli avversari  per poi colpire  veloce e letale come un cobra non appena la difesa napoletana ha abbassato  la guardia. Le perplessità nei confronti delle scelte tecniche del mister napoletano hanno , però, origini ben più lontane della sconfitta di sabato con la Roma: i numerosi e ben pagati acquisti fatti durante il mercato estivo sembrano non riescano minimamente a  scalfire le marmoree convinzioni dell’allenatore toscano che imperterrito continua a riproporre sempre il medesimo modulo interpretato da una ristretta cerchia di attori: Reina dimostra  preoccupanti incertezze tra i pali ma, nonostante tutto,  dietro di lui sembra esserci il baratro, Tonelli in difesa, Diawara, Giaccherini, Rog abili ed arruolabili per il centrocampo sono entrati ormai stabilmente nel cast di “ Chi l’ha visto” ed il reparto avanzato vive il continuo ed ormai vetusto  dramma di Gabbiadini in versione punta centrale. Sarri sembra incapace di trovare alternative tattiche capaci di fare esprimere il povero Manolo nella zona di campo a lui più congeniale e continua testardamente   ad impedire ai nuovi arrivati di offrire il proprio apporto e dare freschezza ed alternative ad una manovra ormai sbiadita ed incapace di sorprendere gli avversari; un possesso palla maniacale  e sterile che puntualmente muore alle soglie dell’area di rigore avversaria non giustifica tanta fedeltà allo status quo. Ormai è scaduto il tempo delle attese ed è più che mai  maturo il momento delle scelte radicali, è il momento che anche Sarri dimostri di non essere il tecnico di una sola stagione!