5 dicembre 2016

Moto 2: Luthi vince il GP del Giappone

Thomas Luthi, pilota del team Garage Plus, è primo al GP del Giappone davanti ad un competitivo Franco Morbidelli, Estrella Galicia 0,0 Marc VDS, terzo e Johann Zarco. Il leader della classifica iridata e pilota Ajo Motorsport conquista una fondamentale piazza d’onore e beneficia delle cadute degli avversari diretti nella corsa al titolo, Alex Rins (Paginas Amarillas HP 40) finisce nella ghiaia dopo tre curve mentre la corsa di Sam Lowes (Federal Oil Gresini) cade al secondo giro.

La gara al Twin Ring si apre con condizioni climatiche favorevoli. Il migliore del warm up è stato Luthi davanti a Jonas Folger e a Morbidelli. Il tedesco del team Dynavolt GP non è stato tra i migliori delle qualifiche ma sembra aver trovato il passo giusto nelle prove della domenica mattina. Ora partirà in chiusura della terza fila.

In pole il leader della classe, Zarco affiancato da Morbidelli e da Luthi, migliore delle libere. Da segnalare la grande difficoltà incontrata in questo GP di Rins, secondo in classifica iridata, che afflitto dai postumi di un recente infortunio in allenamento è nuovamente caduto nelle libere, la sua conquista della prima piazza iridata diventa difficile e il barcellonese scatterà dalla bassa griglia di partenza, la sua prova sarà senza luce.

Le condizioni climatiche hanno contribuito in modo determinate alla scelta della gomme, Dunlop da asciutto a mescola media per tutti e i 23 giri della quindicesima gara della stagione possono iniziare. Si spegna il semaforo e luthi è davanti mentre Zarco si difende da Morbidelli. Alla curva tre cade Rins che compromette gravemente la sua rincorsa iridata. Lowes ha la meglio su Takaaki Nakagami (Idemitsu Honda) mentre il romano del team Estrella si mette davanti al campione del mondo che deve chiudere le porte al numero 22 del team Gresini. Il pilota di casa è partito dalla terza fila e sarà protagonista nel fine gara di un bel duello con Morbidelli, la sfida più avvincente del GP.

Al secondo giro esce di scena un altro protagonista delle corsa iridata: Lowes, terzo in classifica generale, cade nell’ultima curva prima del traguardo. Per il pilota di Cannes la corsa è in discesa e adesso deve solo guadagnare punti. Zarco subisce il sorpasso di Nakagami mentre Morbidelli recupera su Luthi. I due sono vicini e la coppia ha preso margine dal resto dei piloti quando mancano 20 giri alla fine. Il leader della classifica iridata resta al quarto posto, mantenendo un passo costante mentre alla curva nove cade Folger.

La corsa procede senza scossoni nelle posizioni di testa. La coppia Luthi – Morbidelli ha un vantaggio di circa 2 secondi su Nakagami con quest’ultimo davanti a Zarco, poi Alex Pons (AGR Team). Al settimo giro cade Alex Marquez (Estrella Galicia 0,0) mentre il secondo migliore degli italiani è Lorenzo Baldassarri del team Forward al nono posto, la sua gara si concluderà con un ritiro.

Al decimo giro Luthi ha preso un vantaggio sugli inseguitori e Zarco approfitta di un errore di Nakagami alla curva 3 e si mette al terzo posto e, dopo qualche passaggi supera anche Morbidelli provando a recuperare sullo svizzero quando mancano sette giri alla fine.

Al ventesimo passaggio Zarco ha ricucito su Luthi mentre il pilota di casa è negli scarichi della Kalex azzurra del romano. La resa dei conti è vicina, il nipponico prova ad attaccare all’ultimo giro dalla fine per l’ultimo gradino del podio ma Morbidelli chiude una prima volta, cede e torna davanti per prendere qualche metro di vantaggio nelle ultime curve e un ottimo terzo posto sotto la bandiera a scacchi. Luthi taglia per primo il traguardo con Zarco secondo a 0.386s.

Rins taglia il traguardo come ventesimo, per lui un fine settimana grigio. Simone Corsi e Mattia Pasini (Italtrans Racing) concludono la gara nelle prime dieci posizioni, come sesto e settimo. Con Luca Marini, Forward Team, poco distante e dodicesimo.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5950 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.