3 dicembre 2016

Lorenzo: “Con la gomma giusta avrei lottato per la vittoria”

Jorge Lorenzo conclude il suo GP del Giappone con una caduta e la sua uscita di scena, unita a quella del rivale di box Movistar Yamaha Valentino Rossi coincide non solo con la domenica nera per la Casa di Iwata ma anche con la vittoria in campionato di Marc Marquez, Repsol Honda. Il numero 99 cede idealmente lo scettro di migliore della classe al connazionale anche se il suo fine settimana avrebbe potuto essere ben diverso. Domina le prime libere e parte dalla prima fila in griglia di partenza. Nella bagarre della gara è terzo inseguendo non solo il numero 93 HRC ma anche il Dottore e, con l’uscita di scena di questi, può tenere il campionato aperto arrivando a podio. Al diciannovesimo giro quando era in seconda posizione, forse complice l’abbassarsi delle temperatura o l’errata scelta di gomme, perde l’anteriore alla cura 9 concludendo la propria gara nella ghiaia e annullando le esigue speranze di riconfermarsi come migliore delle classe regina ma soprattutto di scavalcare il rivale Valentino Rossi in classifica generale.

Jorge Lorenzo: “Sono molto dispiaciuto perché ho fatto un errore. Ho spinto troppo quando la moto non aveva le migliori prestazioni a causa delle gomme. Ad Aragon abbiamo fatto la decisione corretta con le gomme mentre questa volta no. Dal primo giro l’anteriore vibrava molto e in nessun momento ho avuto delle buone sensazioni. Dovizioso mi stava raggiungendo e ho aperto un po’ il gas all’interno della curva, ho perso la ruota davanti e sono caduto. Un peccato perché con la gomma giusta avevo le possibilità di lottare per la vittoria e ho perso una grande opportunità per essere secondo in classifica iridata. Vorrei fare i complimenti a Marquez perché ha vinto pur non avendo il vantaggio di una moto superiore, è stato costante e si è meritato questo titolo”.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.