9 dicembre 2016

Test a Valencia positivo per Melandri

Da mercoledì 12 a venerdì 14 ottobre Marco Melandri ha svolto un test privato sul circuito di Valencia, dove ha potuto girare indisturbato sulla Ducati Panigale R che dall’anno prossimo guiderà nel World Superbike. WorldSBK.com l’ha raggiunto telefonicamente ed ecco quello che ci ha raccontato sui tre giorni di test e sulla sua futura moto.

“Sono molto contento,  è stato un buon test”, ha dichiarato Melandri. “Solo ieri abbiamo perso la giornata perché c’era una pioggia fine che non ci ha permesso di lavorare bene. In generale abbiamo continuato il lavoro iniziato a Misano. Qui avevo un serbatoio fatto per me, ci siamo concentrati sulla posizione di sella, manubrio e pedane, e una volta trovata una buona base abbiamo iniziato a lavorare su vari assetti e geometrie della moto”.

Il ravennate ha continuato: “Oggi ho fatto 95 giri. Sono arrivato qui con la consapevolezza di quello che mi aspettavo, ero più preparato mentalmente rispetto al test di Misano. Sapevo già le difficoltà maggiori che potevo incontrare e abbiamo lavorato su questo. Abbiamo fatto modifiche mirate, a volte sono andate bene, altre no. Abbiamo provato anche dettagli sull’elettronica e altre piccole cose”.

Parlando del ritmo che ha tenuto in pista ha spiegato: “Credo mi manchi qualcosa sul giro singolo e nella durata della gara, ma nei run da 4 o 5 giri ho tenuto un buon passo. Sono migliorato rispetto a Misano, inizio ad avere la moto più in mano, mi sentivo più a mio agio”.

La prossima volta di Melandri in pista dovrebbe coincidere con i test del 16 e 17 novembre, sul circuito di Aragon, dove ci saranno anche altri team: “Per la prima volta mi troverò in pista con tutti gli altri piloti ufficiali. Dovrò conoscere bene il mio nuovo team e poi lavoreremo sugli assetti in generale, anche perché andando su una pista diversa a volte le cose cambiano. Sarà importante avere conferme. E inoltre avremo novità di elettronica”.

Fonte: worldsbk.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.