3 dicembre 2016

MotoGp: Lorenzo fa sue le prime libere in Giappone

Il primo giorno di libere al Twin Ring Motegi emette il primo verdetto e Jorge Lorenzo torna il dominatore della classe regina. Il pilota Movistar Yamaha firma il miglior tempo della FP2 e della combinata davanti ad Andrea Dovizioso, pilota del team Ducati e Maverick Viñales (Suzuki Ecstar). Il rivale di box Valentino Rossi è settimo mentre il leader iridato Marc Marquez (Repsol Honda) è quarto. Dani Pedrosa, portacolori HRC, è vittima di una caduta e rimedia la frattura della clavicola. Il vincitore dell’edizione del 2015, molto probabilmente, sarà costretto a lasciare.

La FP2 della massima cilindrata va in scena nel pomeriggio giapponese; le condizioni meteo sono stabili e il sole splende sulla pista a nord di Tokyo. Il migliore della mattinata è stato Dovizioso e la seconda sessione si apre con la sfida per il primato delle libere tra il forlivese e il leader della classifica iridata Marquez. Proprio il portacolori Honda mette a referto il primo tempo di 1:45.744s che batte il passaggio della FP1 di Dovizioso. Il pilota del Team però risponde e aggancia al secondo posto seguito da Aleix Espargaro (Suzuki Ecstar) e Lorenzo. Il suo rivale di scuderia Valentino Rossi è vittima di un problema tecnico e nelle fasi inziali è oltre le prime dieci posizioni, recupererà nel corso del pomeriggio ma non abbastanza.

A meno 30 minuti dalla fine cade Pol Espargaro, Monster Yamaha Tech3. Lo spagnolo prova a rimontare in sella ma non riesce a riavviare la sua M1. Danilo Petrucci, Octo Pramac Yakhnich è sesto a meno di mezzo secondo dalla vetta e le sue prove si concluderanno con l’obiettivo della top ten raggiunto.

Nelle fasi centrali la classifica non cambia. Lorenzo è impegnato in una lavoro in pista volto alla ricerca della traiettoria migliore, il miglior tempo arriverà presto con una zampata nelle battute finali. Il maiorchino e ora è terzo mentre Rossi resta ai box. Viñales entra nella top ten e mette a referto il quinto tempo. Mancano 20 minuti alla fine e Dovizioso ribadisce il suo primato con il crono di 1:45.737s al quale prova a rispondere Marquez ma senza riuscirci. Così come Rossi che a poco più che 13 minuti dalla bandiera a scacchi aumenta il ritmo ma resta al decimo posto.

A meno sei dal termine Marquez prova il giro d’attacco ma scivola nella curva prima del rettilineo del traguardo. Più grave la caduta del compagno di box Dani Pedrosa che urta violentemente il terreno e rotola per diversi metri nella ghiaia della curva undici, per lui sarà la rottura della clavicola. Anche Eugene Laverty, Pull&Bear Aspar, scivola alla curva 6 ed è portato via in barella, sarà sottoposto ad accertamenti nel centro medico del circuito e poi trasportato in ospedale. Scivola anche il rientrante Jack Miller (Estrella Galicia 0,0) alla tre.

A meno tre dalla fine Rossi si mette in testa alla tabella tempi con il passaggio di 1:45.684s, la vetta gli è strappata da Dovizioso che a sua volta le cede ad un arrembante Viñales che sale al comando della combinata con il tempo di 1:45.248s, giro da vetta anche per il compagno di box Espargaro, ora quarto. Marquez resta agganciato alla vetta ma è secondo dietro al connazionale. Mancano pochi secondi, anche Lorenzo prova a dire la sua e si pone al comando della tabella tempi con il miglior passaggio di 1:45.151s. Il numero 99 resta il più veloce della giornata nonostante Dovizioso e Viñales provino ad insidiare il suo primato. Marquez è quarto con Cal Crutchlow (LCR Honda) che recupera e chiude le prime cinque posizioni. Rossi è attardato in settima posizione a 0.381s dalla vetta; dietro di lui, ma a oltre 1 secondo dal maiorchino, Petrucci.

Hector Barbera, sulla DesmosediciGP del Team paga la poca confidenza con una moto diversa dalla sua GP14.2 ed è 14esimo.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.