6 dicembre 2016

La “Carta di Roma” per la difesa delle città d’arte dalle catastrofi naturali

La “Carta di Roma” per la difesa delle città d’arte delle catastrofi naturali è stata firmata all’Accademia dei Lincei con la IAP (InterAcademy Partnership) che raccoglie 130 accademie di tutto il mondo. Le Accademie chiedono ai governi e alle istituzioni internazionali di riservare uno status speciale alle città d’arte per garantire un adeguato livello di protezione e assicurare sorveglianza e monitoraggio, supportati da attività di ricerca scientifica nei vari settori collegati alla protezione del patrimonio culturale. Nel documento si sottolinea che la vulnerabilità delle opere d’arte può essere ridotta, sia attraverso una programmazione preventiva degli interventi pubblici, sia con una accurata gestione degli eventi catastrofici: alluvioni, uragani, eruzioni vulcaniche, tsunami.

Le Accademie, che svolgono un importante ruolo diffondendo le innovazioni tecnologiche e scientifiche usate nei complessi lavori di restauro, potranno realizzare un forum permanente per discutere e proporre  gli strumenti e le strategie necessari per la difesa del patrimonio culturale.

Il documento si chiude ricordando i disastri prodotti dall’uomo con le guerre, gli atti terroristici ed i conflitti che hanno devastato testimonianze antiche di grandi civiltà, ed invita la comunità internazionale, indipendentemente dalle differenze di religione, cultura o  politica,  a definirli “crimini contro l’umanità”.

La “Carta di Roma”, che fa riferimento alla Convenzione delle Nazioni Unite sulla protezione del patrimonio culturale mondiale del 1972,  è stata firmata dal Presidente dell’Accademia dei Lincei Alberto Quadrio Curzio e dal Presidente dell’IAP Vilker ter Meulen, al termine della conferenza “Resilience of art cities to natural catastrophes: the role af academies”, organizzata dall’Accademia dei Lincei in occasione del cinquantenario dell’alluvione di Firenze (1966).