10 dicembre 2016

Sushi Milano: una scelta saggia per vivere più a lungo

Il sushi a Milano sta riscontrando grande successo. Ma quella che sembra essere solo una moda in realtà rappresenta una scelta saggia per vivere più a lungo.

Il sushi a Milano sta letteralmente spopolando, più che in ogni altra città italiana: lo dimostrano non soltanto i numerosissimi ristoranti giapponesi presenti in ogni angolo ma anche il fatto che il sushi sia l’alimento più richiesto presso i servizi di food delivery meneghini. Ma quella che sembra essere una semplice tendenza rappresenta in realtà un’ ottima abitudine alimentare.

Secondo i risultati di una ricerca del National Centre for Global Health and Medicine di Tokyo, pubblicata sul British Medical Journal, chi mangia il pesce crudo e gli altri cibi orientali ha più probabilità di vivere a lungo rispetto a chi non lo fa. Lo studio ha evidenziato come le linee guida alimentari giapponesi, che prevedono un consumo equilibrato di cereali, ortaggi, frutta, pesce e poca carne, portano a un minore rischio di morte prematura per tutte le cause, incluse le malattie cardiovascolari. La ricerca è stata guidata da Kayo Kurotani del National Centre for Global Health and Medicine di Tokyo. I partecipanti hanno compilato questionari sulle loro abitudini alimentari, e il loro stato di salute è stato monitorato per la durata complessiva di 15 anni. Ne è emerso che chi seguiva in maniera più pedissequa i principi della dieta giapponese vedeva riduzione del 15% dei tassi di mortalità totale in 15 anni.

Gli studi sono ancora più incoraggianti per quanto riguarda la contrazione di malattie legate all’alimentazione, come  malattie cardiovascolari, arresti cardiaci e ictus.

La cucina giapponese, infatti, è ricca di cibi nutrienti e salutari come il sushi ed un mix di riso e frutti di mare crudi, a cui si aggiungono frutta, vegetali freschi e soya. Questa alimentazione ha permesso alla popolazione giapponese di avere un’aspettativa di vita che si attesta intorno agli 85 anni, un aspettativa che è seconda soltanto a quella del principato di Monaco ( 89,5 anni) e appena sopra a quella spagnola (81 anni).

Quindi quella giapponese, raggiunge la dieta Mediterranea, entrambe utili a vivere più a lungo. Più precisamente, la nostra dieta regala 15 anni alle donne e otto agli uomini. A confermare la bontà del nostro regime alimentare (abbinato ad attività fisica, peso nella norma e niente sigarette) è una grande ricerca su oltre 120mila persone condotta dall’Università di Maastricht, in Olanda.