9 dicembre 2016

Palidoro, fila all’aperto per il poliambulatorio

“L’inverno è arrivato, pioggia e freddo idem. Ma anziani, donne e bambini del nord del Comune di Fiumicino continuano a dover attendere il proprio turno al poliambulatorio di Palidoro sotto l’acqua e sotto le intemperie, in una sala striminzita resa ancora più piccola dalla presenza di grossi contenitori per la differenziata. Sono passati due anni (era il 30 ottobre 2014) da quando il consiglio comunale di Fiumicino ha approvato un documento per dare avvio ai lavori di copertura della sala d’attesa ma da allora nulla si è mosso. Il Comune ha chiesto alla Regione, la Regione all’Asl, la Asl al Comune. Risultato: tutto è rimasto come prima. È vero che per qualche consulta comunale questo è ‘profondo nord del Comune’, ma le tasse le paghiamo per intero come tutti. Se proprio dobbiamo essere cittadini di serie B quantomeno ci dimezzassero le imposte”. Lo dichiarano il presidente e il vicepresidente dell’associazione Crescere Insieme Roberto Severini ed Emilio Erriu.

“Il nord del Comune di Fiumicino continua a crescere demograficamente ma i servizi rimangono quelli di anni fa – spiegano Severini ed Erriu -. La sanità rimane uno dei talloni d’Achille. La casa della salute annunciata a febbraio del 2016 è sparita dai radar. L’inizio dei lavori rimane un mistero. Il protocollo d’intesa per riqualificare l’ex presidio di Palidoro ha fatto la stessa fine. Gli interventi di decoro pubblico per riportarlo a uno stato di decenza mai iniziati. Di piazzole di sosta per il 118 in ogni località non si parla. Pur essendo consci delle difficoltà non si può continuare a far finta di nulla. Su alcune tematiche c’è bisogno di un’accelerata. Noi, come sempre, siamo pronti a sostenere qualsiasi iniziativa che possa risolvere i problemi o a scendere in piazza se fosse utile a sbloccare la situazione”.

About Emanuele Bompadre 8283 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.