3 dicembre 2016

Taverna: “Diciamo le cose come stanno”

Il Piano nazionale per la fertilità previsto dal ministro Lorenzin è un insulto costante al ruolo della donna come madre e come essere umano, una delle cose più vergognose, sessiste e antisociali che si sia mai vista. Se si vuole parlare del perchè le donne non fanno figli in giovane età, andiamo a vedere come funzionano le cose in Europa.

In Svezia, le mamme hanno 480 giorni pagati di congedo parentale, che possono essere distribuiti nei primi 8 anni di vita del bambino; tutte le famiglie che hanno la residenza hanno un sussidio di 120 euro al mese a bambino fino a 18 anni; per quanto riguarda la conciliazione vita-lavoro, i giorni di permesso per restare a casa con i figli malati sono pagati e illimitati; in Francia dal quarto mese di gravidanza sono previsti 185 euro al mese, oltre a un premio di circa 900 euro alla nascita; è prevista “l’allocazione familiare”, 130 euro al mese fino al compimento del diciottesimo anno di età; la conciliazione vita-lavoro è facilitata dalle “assistenti materne”. Allora il problema non è che la donna diventa vecchia, non sono i suoi ovociti che invecchiano insieme a lei, come c’è scritto nel Piano del ministro Lorenzin, il problema è dare alle famiglie la possibilità di mettere al mondo un figlio in giovane età e poi dare loro la garanzia di poterlo mantenere, curare e farlo vivere in maniera dignitosa.

Il ministro Lorenzin dovrebbe andare a casa per tanti motivi, a partire dal caso Avastin Lucentis, dalla sua inappropriatezza e per il fatto che ci ha fatto sputare il sangue per tre anni prima di poter vedere approvata la legge del M5S sugli screening neonatali che, questa sì, dà la possibilità di poter salvare i nostri figli.

La Lorenzin ha dimostrato ampiamente di essere inadeguata per il suo ruolo di ministro, non ha capito che molte donne desiderano avere un figlio, ma dopo averlo messo al mondo si chiedono come garantirgli una vita dignitosa, una vita che questo Paese e questo governo non sono in grado di garantire.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.