Una “squadra” di undici musicisti capitanata da Gegè Telesforo venerdì 14 ottobre per il via della nuova stagione di concerti al Moro di Cava dè Tirreni

Un concerto che non è esagerato definire un vero evento quello in scena venerdì 14 aprile al Moro di Cava de’ Tirreni (inizio ore 22, info: 0894456352 e www.pubilmoro.it), che per l’inizio della nuova stagione di concerti schiera una squadra di all stars del jazz italiano.




Undici infatti i musicisti che saliranno sul palco del club al borgo Scacciaventi, una squadra che annovera: Gegè Telesforo voce, Fabrizio Bosso tromba, Max Ionata sax, Amedeo Ariano batteria, Dario Deidda basso, Sandro Deidda sax, Alfonso Deidda flauto, Domenico Sanna, piano, Seby Burgio tastiere, Dario Panza batteria e Joseph Bassi Contrabbasso

Il capitano di questo dream team è sicuramente Gegè Telesforo, riconosciuto nel mondo come uno degli ultimi artefici ed innovatori dello scat, un modo di cantare che si basa sull’improvvisazione, dove le parole lasciano il posto a fraseggi inventati al momento, con giochi fonetici di sillabe, vocali e consonanti. Cultore della musica nera, polistrumentista, compositore, ma anche produttore discografico, conduttore radiotelevisivo ed entertainer di grande talento, GeGè è da sempre un artista poliedrico e, soprattutto, un vocalist raffinato, capace di tenere testa a mostri sacri del jazz come Jon Hendricks, Dizzy Gillespie, Ben Sidran, PhilWoods, Mike Mainieri, Clark Terry, DeeDee Bridgewater, Bob Berg. Considerato dalla critica internazionale come uno degli innovatori dello “scat singing”, vincitore per 5 anni consecutivi del Jazzit Award come miglior voce, oggi docente di Improvvisazione Vocale presso la Venice Voice Academy di Los Angeles, Telesforo torna al Moro accompagnato da dieci musicisti che rappresentano la crema della floridissima scena italica delle sonorità afroamericane.

In scaletta composizioni originali del suo repertorio come So Cool; Hey Rookie; Go ON; Diamonds; rivisitati da un organico ritmicamente travolgente e dal sound unico e alcuni standard che hanno fatto la leggenda del jazz, genere che da anni ha trovato nel club metelliano diretto da Gaetano Lambiase la sua casa in Campania.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8630 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.