10 dicembre 2016

Referendum, Taverna, M5S: “O gli italiani mandano a casa questa gente o vivremo uno dei periodi più bui della nostra storia”

Paola Taverna, senatrice del Movimento Cinque Stelle, è intervenuta questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano, nel corso del format ECG, con Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Paola Taverna ha parlato del quesito referendario del prossimo 4 dicembre: “Il quesito tradotto in italiano pubblicato stamattina dal Fatto Quotidiano? E’ una giusta traduzione, quello è il quesito tradotto, quello che avrebbero dovuto scrivere. Invece hanno preferito scrivere una favoletta che mira esclusivamente ad avere un sì inconsapevole. Non mi aspetto che questo quesito cambi, ma mi aspetto che gli italiani non si facciano ulteriormente prendere in giro. Ormai Renzi è stato sgamato, di Renzi non ci si può fidare, e se non ti puoi fidare neanche della domanda la risposta è ovvia: no, e vai sul sicuro”.

Su Renzi e la minoranza dem: “Io mi aspetto che per far vincere il sì Renzi prometterà di mettere la risurrezione per tutti in Costituzione. Questo ormai dice qualsiasi cosa. Promettere al suo partito, che comunque ama farsi prendere in giro, il cambiamento dell’Italicum dopo il referendum è una palese presa per i fondelli nei confronti del suo partito. Potevano incidere in Parlamento, invece hanno consentito a Renzi di fare di tutto. Oggi, a poche settimane dal voto del referendum si mettono a contrattare? Questo è un voto di scambio. La minoranza dem è credibile tanto quanto il segretario del Pd…”.

Su Benigni: “Qualche anno fa era in televisione per dire che la nostra è la Costituzione più bella del mondo, adesso si mette a dire che non vince il sì l’Italia sta peggio dell’Inghilterra dopo Brexit. Io oggettivamente non so più che cosa devono fare agli italiani per convincerli che o mandano a casa queste persone o ci ritroveremo in uno dei periodi più bui della nostra storia”.

Ancora sul referendum: “E’ come quando vai dal medico per dimagrire. Renzi è come il medico che ti suggerisce di tagliarti un braccio per perdere peso. Perdereste dieci chili facendovi tagliare un braccio? Questi stanno facendo così: volete risparmiare 50 milioni di costi sulla politica? E la gente risponde sì, così da farsi togliere un pezzo di democrazia. Ma si può fare un ragionamento simile? Si può trattare così la cittadinanza? Mentendo poi, perché il referendum con quel quesito è una menzogna completa. Un faccia a faccia tra Renzi e Grillo? Non lo so, ma chi che Grillo penso a un Di Battista o a un Morra o un Toninelli, che stanno dentro le commissioni”. 

AUDIOhttp://www.radiocusanocampus.it/podcast/?dl=10555

Fonte: Radio Cusano Campus