9 dicembre 2016

Roma, ricettazione, spaccio e rapina: in sei finiscono in manette

F.K., 21 anni gambiano, è il primo a finire in manette. Arrestato dagli agenti del commissariato Esquilino, all’interno del parco di Colle Oppio, nascondeva la droga in un albero e poi seduto su di una panchina attendeva i suoi clienti.

Hashish, marijuana e cocaina, invece, questa la droga sequestrata dagli agenti della Polizia di Stato del commissariato Romanina e del Reparto Prevenzione Crimine, a Torre Maura.

Due le persone arrestate al termine dell’operazione, un teatino, di 19 anni e un romano di 21 anni.

E ancora per detenzione a fini di spaccio, è stato arrestato Z.O. di 29 anni.

L’uomo, con vari precedenti di Polizia, è stato fermato per un controllo dagli agenti del commissariato Fidene Serpentara in via Ugo Ojetti. Privo di documenti si è mostrato da subito insofferente destando sospetti.

Più tardi, a casa del giovane i poliziotti hanno sequestrato una tavoletta di hashish di circa 100 grammi nonché alcune dosi della stessa sostanza e anche di marijuana insieme ad un bilancino di precisione ed un coltello utilizzato per tagliare la sostanza stupefacente.

Sono stata palpeggiata e molestata, questo, mentendo, ha raccontato C.F agli agenti intervenuti a Termini per una segnalazione di lite al numero unico di emergenza. Gli agenti, tuttavia, con un indagine lampo hanno accertato che la donna con il   fidanzato avevano appena rapinato e picchiato un cittadino eritreo.

Identificati per D.E e C.F, entrambi senza fissa dimora, la coppia è stata sottoposta dagli agenti del commissariato San Basilio e del Reparto Volanti, a fermo di polizia giudiziaria per il reato di rapina in concorso e lesioni personali.

Denunciato invece per il reato di ricettazione, la persona indosso alla quale, gli agenti del commissariato San Basilio hanno rinvenuto, nascosta in un marsupio la somma di 10.000.

L’uomo, con vari precedenti di Polizia, non ha saputo giustificare il possesso del denaro che è stato sequestrato dalla Polizia.