3 dicembre 2016

Roma, la Giunta Raggi lavora al rilancio di cantieri ed edilizia

Rimettere in piedi la città di Roma, che da anni soffoca anche per il blocco alle opere pubbliche, rilanciando l’attività dei cantieri. Nonostante il no ai Giochi Olimpici del 2024, la Giunta Raggi ha comunque chiaro in mente il piano per rilanciare l’edilizia e in generale i lavori nella Capitale.

Un incontro per appianare le possibili divergenze, ma soprattutto per delineare il futuro dell’edilizia nella città: è stato questo lo spirito dell’appuntamento tra il presidente dell’Acer – l’Associazione di Costruttori Edili di Roma e Provincia – e il nuovo assessore all’Urbanistica e assessore ai Lavori pubblici della Giunta Raggi, Paolo Berdini, che è servito anche per lanciare alcuni annunci sul futuro, immediato o più remoto.

Meno cantieri dopo il no ai Giochi 2024. La situazione nella Capitale non è certo ottima, e il clima è stato ulteriormente appesantito dal no definitivo per l’organizzazione dei Giochi olimpici di Roma 2024, che il sindaco Virginia Raggi e la sua Giunta hanno ritenuto un evento impossibile da realizzare viste le difficoltà nei bilanci cittadini. Una rinuncia che ha significato anche l’addio all’apertura dei cantieri previsti, che avrebbero coinvolto oltre 250 siti, 15 palazzetti polisportivi da realizzare ex novo, ben 26 sedi ufficiali da usare per le discipline olimpiche, nonché la ristrutturazione di decine di palestre scolastiche. Insomma, un duro colpo per il settore delle costruzioni, che già non viveva una condizione di serenità.

Rimettere in piedi Roma. Eppure, le parole dell’assessore Berdini sembrano aver riportato la calma, perché il nuovo titolare delle deleghe a Urbanistica e Lavori Pubblici ha subito alzato l’asticella degli interventi promessi: “Devo rimettere in piedi questa città che sta soffocando”, ha detto ai costruttori, e il primo lavoro che inizierà a fare è lo sblocco di “circa 200 convenzioni nel cassetto. Se mettiamo un solo milione per ogni progetto, che è pure poco, ci sono 200 milioni per opere pubbliche. Io sbloccherò queste convenzioni”.

Reazione positiva per le costruzioni. Per ora si tratta solo di annunci, ma di sicuro queste parole hanno contribuito a creare un effetto positivo e un nuovo clima di speranza e fiducia per il settore delle costruzioni nella Capitale, di cui potrebbe giovare l’intero comparto a livello nazionale e che avrà naturale riflesso anche sull’aumento della richiesta dei macchinari necessari per le opere edili. Un segmento del mercato in cui brilla la società Giffi Noleggi, che supporta le attività dei cantieri grazie alla possibilità di noleggio piattaforme aeree a Roma e altri strumenti necessari alle costruzioni.

Gli interventi della Giunta Raggi. Berdini è infatti intervenuto anche sulla filosofia che guiderà l’azione della Giunta Raggi, dichiarando che “le città necessitano di regia pubblica. Questo ha reso magnifiche le nostre città fino alla seconda metà dell’Ottocento. Abbiamo cancellato con troppa fretta la prerogativa pubblica e viviamo nell’anarchia più assurda. E deve finire la stagione delle deroghe delle deroghe”, perché “è tempo di ricostruire un’amministrazione pubblica in grado di dare risposte”. Secondo l’esponente del governo capitolino, “Roma oggi è insopportabile, è un blocco granitico. Non si sposta nulla”, e pertanto bisogna ricreare degli spazi per tutti, perché solo così “si potrà valorizzare anche il campo del privato”.

I piani a lungo termine. Non è mancato poi un riferimento ai piani ben più ambiziosi sul lungo termine, come la proposta di realizzare interventi di eccellenza sull’area di 300 ettari espropriati dallo Stato a Tor Vergata, che potrebbe diventare “la sede della sperimentazione della città: realizziamo lì due o tre centri o cliniche”, dice l’assessore, che aggiunge di sapere “che c’è bisogno di soldi, ma su questo possiamo stimolare anche il privato. C’è un pezzo di industria chimico-farmaceutica a Pomezia che non vede l’ora di investire. In due anni ce la facciamo”.

La Metro B e la sede Istat a Pietralata. Ulteriori promesse arrivano sia sull’annoso problema del prolungamento della linea B tra Rebibbia e Casal Monastero, per il quale la Giunta romana “chiederà soldi” al ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, sia per i cantieri di Pietralata, dove “le cose si sono sbloccate finalmente e nascerà la grande sede nazionale dell’ISTAT. Parliamo di 60 mila metri quadrati. E loro metteranno a bando un concorso internazionale di architettura”. Ancora a Tor Vergata, poi, è possibile pensare alla costruzione di “una serra botanica”, secondo un progetto inedito presentato dal rettore dell’Università in sostituzione di quello, ormai superato, dello stadio del volley.