9 dicembre 2016

“Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”

Curiosità sul tema dell’evento: Nel periodo angioino fu significativo l’insediamento a Napoli degli ordini monastici e il loro attivo diffondere la devozione per i santi e la Madonna. Il fenomeno della violenza delinquenziale segna un capitolo decisivo nell’evoluzione del percorso che la diffusione delle edicole votive compie nel tempo. Nel Settecento le edicole votive assunsero la struttura che troviamo ancora oggi in giro per Napoli grazie ad una “piccola” rivoluzione urbana. In seguito alla distruzione delle otto luci accese dinanzi a Palazzo Reale da parte di malviventi, arrivò l’idea geniale del domenicano Padre Gregorio Rocco, il quale riuscì ad illuminare la città invitando i concittadini a impiantare edicole votive illuminate, non gravando così sull’amministrazione del Regno, per risolvere la piaga delle aggressioni nei vicoli oscuri. Facendo leva sull’esigenza di illuminare le strade e sul rispetto del popolo napoletano per i santi e i loro luoghi di culto, padre Rocco si “servì” dei tabernacoli che non furono eretti solo per “grazia ricevuta” o per “voto”. Pertanto, l’evento “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini” di NarteA indaga sull’origine di questo elemento architettonico e della sua funzione nel corso dei secoli, attraverso un percorso che si snoda da piazza Dante a Sedile di Porto fino al vicolo Santa Chiara, animando questi luoghi delle edicole votive con attori professionisti in scena.
Prenotazione obbligatoria per limite posti.

In tutti i quartieri partenopei ci sono piccoli templi, semplici luoghi di culto, che cambiano col succedersi delle epoche. Passeggiando per Napoli, si possono contare un vasto numero di “altarini” che portano con se vicende di vicoli e d’antropologia: NarteA ha voluto ideare una visita guidata teatralizzata ad hoc per ritrovare queste radici, ancora resistenti, e per conoscere in modo alternativo gli episodi votivi partenopei. Partendo dalla più autentica espressione della devozione popolare, l’Associazione Culturale NarteA porta in scena “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini” – appuntamento al pubblico domenica 16 ottobre 2016 presso piazza Dante alle ore 11:00 –, un percorso guidato teatralizzato che attraverserà vie e vicoli del centro storico di Napoli per scoprire gli angoli “nascosti” della città e le sue edicole votive. Per partecipare all’evento, è obbligatoria la prenotazione ai numeri 339.7020849 – 334.6227785, la quota è di € 10,00 per gli adulti.

A Napoli, il “tabernacolo”, ossia l’edicola votiva, è un elemento di arredo urbano e al tempo stesso oggetto di culto, presente già dalla seconda metà del XVI secolo, che ricorre come parte integrante del tessuto abitativo, soprattutto nell’area di fondazione greco-romana. Osservando l’evoluzione di questi “altarini”, si può vedere come la complessità di un fenomeno religioso-devozionale si trasforma dalla dimensione privata a rappresentazione della collettività che unisce il sacro al pagano, ma anche alla creatività estemporanea dei cittadini. Il territorio partenopeo diventa un vero labirinto di “simboli”: le edicole votive sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e madonne, ma pure di fede e idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere eletti come “miti”.

Le edicole votive sono dette in gergo “altarini” e si rivelano come una vera e propria caratteristica partenopea. “Questa visita vuole evidenziare come le edicole votive siano il segno di una tradizione e di usi ormai scomparsi, tracce di un passato storico, artistico, e religioso – spiega Febo Quercia, direttore artistico di NarteA – Divenute ormai parti integranti del contesto cittadino, che valorizza i vicoli della nostra città, questi altarini rappresentano il bisogno che il popolo napoletano ha sempre avuto di vedere e sentire una presenza superiore a cui chiedere aiuto e protezione”.

Accade spesso che i primi a non conoscere la storia degli “altarini”, siano proprio i napoletani: NarteA si sofferma sulle rappresentazioni votive di Napoli, considerate un “fenomeno religioso secondario” con limitato valore architettonico e artistico, con lo scopo di voler valorizzare e ripristinare il rapporto tra i cittadini napoletani e la loro città, nella storia antica e moderna. L’itinerario prevede un’escursione tra alcune edicole votive nascoste nei vicoli di Napoli, una città che non smette mai di stupire e impressionare, ma non solo. Gli ospiti saranno accompagnati da Matteo Borriello, guida turistica abilitata della Regione Campania, e dagli attori professionisti Sergio Del Prete e Valeria Frallicciardi, che interpretando personaggi cari alla tradizione napoletana, renderanno il percorso ancora più colorato e inusuale con una vera e propria performance teatrale, scritta da Febo Quercia. Tra monologhi e dialoghi, gli spettatori avranno opportunità di approfondire in maniera emozionante questo tema.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.