10 dicembre 2016

Roma: Caput Mundi? No, una trappola fatta di uomini “piccoli piccoli”

Capita a tutti che un sabato mattina visto che a Roma splende ancora il sole di voler uscire di casa e fare una bella passeggiata nella città, mi sento di dire, più bella del mondo. Il Colosseo, i Fori Imperiali, le Basiliche, via del Corso ed un elenco che potrebbe diventare lungo quasi ad annoiare per le bellezze che offre la capitale d’Italia.

Esci di casa prendi un mezzo pubblico, così non si ha il problema del parcheggio, fai un paio di scambi e in un batter d’occhio, diciamo così, si arriva in centro pronti per la “sfacchinata” culturale e non.

whatsapp-image-2016-10-08-at-12-23-31Rewind… sono un disabile sulla sedia a rotelle, mi preparo, mi vesto, scendo e mi ritrovo con un amico, si perché rischiare di andare solo nelle mie condizioni potrebbe essere pericoloso, aspetto il primo mezzo pubblico, arriva e salgo… specifico mi issano a bordo come un container nel porto di Civitavecchia solo che a posto delle gru c’è il mio amico che mi “tira su”.

Arriviamo alla Metro, teoricamente su carta dovrebbe essere il mezzo più all’avanguardia, come in tutti i paesi civili, ma Roma no, è incivile e infatti come da repertorio, a Magliana arrivo all’ascensore e c’è un cancello chiuso, suono e aspetto, aspetto e risuono e va avanti così per 40 minuti, chiamo i vigili del fuoco, “Mi dispiace non possiamo fare niente…” stavo quasi per riprendere la Metro per tornare indietro quando “click” si apre il cancello e accedo all’ascensore.

Benissimo continua il viaggio, arrivo a Vittorio Emanuele esco dal vagone mi guardo intorno, dove sta l’ascensore? Non c’è. Allora il montacarichi, non c’è neanche quello, benissimo cerco il personale Atac, introvabile, a no dopo 20 minuti trovo un addetto. “Mi scusi ma io che faccio chiedo la residenza qui in stazione o c’è un modo di salire?” “Mi dispiace ma questa stazione non è accessibile, deve andare via e arrivare a Manzoni, ah! Inoltre la invito a non fare foto ne video va incontro a denuncia”

Gli ingranaggi del mio cervello si mettono in  moto, sbaglio o traducendo la metafora mi è stato detto “vedi di non fare casino altrimenti sono cavoli tuoi?”

whatsapp-image-2016-10-08-at-12-23-35Bene da buon cittadino che paga le tasse, lavora, è rispettoso delle istituzioni che faccio, chiamo il 113, no perché se questo non è un sequestro di persona ci manca davvero poco, non mi addentro nella conversazione ma potete immaginare la mia reazione quando dall’altra parte mi dicono la frase che in tutta la mia vita ho sentito per il maggior numero di volte “Mi dispiace noi non possiamo fare niente“, la mia rabbia ha fatto si che alzassi un po’ la voce, credete che non sia legittimo? Bè di risposta “Sta offendendo un pubblico ufficiale la denuncio”.

Porca misera in meno di un’ ora quasi due denunce per farmi un giro a Roma, sapevo che alcune zone sono rischiose per gli scippi e i furti ma che anche i “buoni” diventano aguzzini questa proprio non ci voleva.

Adesso dovrei arrivare alla conclusione della storia, ma sinceramente non so come finirà perché le storie si inventano man mano e quindi non ho ancora trovato il finale giusto d’effetto…

Ah no ce l’ho il finale giusto, che questa purtroppo non è una storia di fantasia, sta succedendo proprio adesso che scrivo, a Claudio Palmulli, che è fermo a Vittorio Emanuele, aspettando che le istituzioni intervengano, che Roma Capitale dia un segnale, che un ragazzo che sta in carrozzina non sia un cittadino di serie B ma che sia come tutti noi che le gambe e i piedi ce li abbiamo e li possiamo usare,  che una persona uscita di casa alle 9 e 30 e alle 12 e 40 sta ancora ferma in una stazione della Metro aspettando non si sa bene chi faccia almeno un “mea culpa”, che 30 anni di politica, di bustarelle, di “magna magna”, di politici senza etica e vergogna chiedano scusa a migliaia di romani che ogni giorno sono costretti ad un’odissea che al confronto il viaggio di Ulisse è una vacanza in crociera di lusso, a chi già dalla vita ha ricevuto uno schiaffone in faccia e ne sta prendendo altri da chi invece dovrebbe difenderli. Il bullismo? Oggi lo sta provando per l’ennesima volta Claudio Palmulli,  l’aguzzino? Tutti!

 

About Emanuele Bompadre 8290 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.