5 dicembre 2016

La Musica Classica Persiana a Roma con il Maestro Majid Derakhshani

Il Maestro Majid Derakhshani e l’ Ensemble Sarawan presenteranno la Musica Tradizionale Persiana nel corso dell’esecuzione che si svolgerà a Roma, Sabato 8 ottobre presso la Sala Baldini di Piazza Campitelli n.9 (ore 20,30).  Insieme al Maestro iraniano, conosciuto in tutto il mondo, virtuoso di Tar e Setar, che dirigerà anche il concerto, si esibiranno Houshang Ebrahimi (Voce), Mohssen Kasirossafar (Tombak), Amir Nazari (Kamanche), Amin Heydari (Ud) e Vahid Haji Hosseini (Santur). Il ricavato dello spettacolo che si terrà nella prestigiosa e suggestiva ex Sagrestia della Chiesa di Campitelli (XVII-XVIII secolo) da anni riservata ad ospitare esibizioni culturali internazionali di alto livello, sarà dedicato alle popolazioni terremotate dell’Italia Centrale, nell’ambito di una serata riservata anche alla Pace nel Medio Oriente.

Con il concerto capitolino di sabato 8 ottobre prosegue quindi  con successo il Tour europeo del notissimo musicista e compositore Majid Derakhshani che da anni persegue lo scopo di permettere all’occidente di familiarizzare con la musica classica iraniana, restando aperto a tutte le suggestioni e senza disdegnare sperimentazioni coraggiose. Il 25 Settembre scorso a Londra la Bush Hall è stata al centro di un’interessantissima serata denominata “The Art of Instrumental Music “ dove le performance del Maestro Majid si sono amalgamate con quelle di Shaho Andalibi, Fariborz Kiani e Saeid Kordmafi (Santour). Altrettanto entusiasmante anche il concerto tenuto nell’ambito del prestigioso contesto culturale di “Tarquinia a Porte Aperte” (1° Ottobre) dove presentando la Musica Classica Persiana insieme al Percussionista Fariborz Kiannejad (Zarb e Daff) Derakhshani ha regalato al pubblico irripetibili ed alti momenti di Musica di Improvvisazione (www.youtube.com/watch?v=f_8Qr27qyzA) .

Dopo Roma sarà la volta di Vienna (15 ottobre) dove, sempre con l’Ensemble Saravan, sarà ospite dell’esclusivo Sargfabrik e poi la transvolata atlantica per l’attesissimo concerto, nel nord America, di Toronto (22 ottobre) insieme a Shaho Andalibi al Richmond Hill Center for the Performing Arts.

Majid Derakhshani ha composto per moltissimi musicisti di fama internazionale e la sua notorietà è legata soprattutto ai suoi virtuosismi con il Tar e il Setar (tipici strumenti a corde pizzicate della tradizione iraniana e dell’Asia Centrale). La sua maggiore ambizione, da sempre, è quella di fondere la musica classica persiana con quella della cultura occidentale. Ha sviluppato sicuramente un nuovo stile che unisce e plasma la musica orientale ad alcuni elementi di quella europea. Non si tratta soltanto di un esperimento coraggioso di carattere squisitamente musicale, di fusione di tecniche, di melodie e temi classici, ma è qualcosa di più: un modo concreto per permettere alla cultura persiana ed a quella occidentale di familiarizzare. La Musica come un ponte per favorire ed aiutare l’integrazione tra i popoli. Nato in una famiglia di religiosi, dove la musica era proibita, ha comunque intrapreso la carriera di musicista e compositore tra tutte le difficoltà che ben si possono intuire e spesso ha avuto problemi con la censura iraniana soprattutto a causa di una sua orchestra composta praticamente da sole musiciste. In sostanza le autorità governative e religiose iraniane non vogliano che le donne si esibiscano nel canto solista nemmeno se indossano l’hijab.