11 dicembre 2016

Pomezia, CasaPound Italia: “No al centro di accoglienza di Via Mincio a Campo Ascolano”

” In arrivo numerosi migranti a Campo Ascolano in una struttura privata gestita dalla cooperativa Virtus Italia Roma anch’essa in parte coinvolta negli scandali di mafia capitale”.
“Siamo sempre stati contrari all’apertura di centri di accoglienza sul nostro territorio – inizia così la nota di Andrea Cincotta, referente di CPI su Pomezia- e la decisione di destinare la palazzina di Via Mincio 12, a Campo Ascolano, per l’ospitalità di “profughi”, come è ormai evidente che in realtà si tratta di clandestini che non fuggono da nessuna guerra, è l’ennesima dimostrazione di quanto business e soldi girino intorno alla parola accoglienza per riempire le tasche di politici e privati”.

“In un quartiere dove manca ogni tipo di servizio primario come asili, scuole, parchi pubblici, servizio di raccolta differenziata e molto altro, dove la criminalità ha preso piede e si confonde tra i cittadini normali, non si poteva scegliere peggior posto di Campo Ascolano per aprire un centro di accoglienza. È infatti assurdo – prosegue la nota – che venga permesso un centro d’accoglienza in un territorio con già tantissime problematiche di suo e totalmente abbandonato dalle istituzioni pometine. Noi pensiamo che questi soldi devono essere utilizzati a sostegno delle famiglie Italiane in difficoltà economica e abitativa, non per lucrare sull’accoglienza di finti profughi”.
“Oltretutto sono state installate due potentissime antenne per cellulari, nascoste da canne fumarie, a pochi metri dalle abitazioni circostanti, con alto inquinamento di onde elettromagnetiche e quindi di possibile incremento di malattie come tumori e leucemia. Essendo Campo Ascolano un blocco residenziale abitato da numerosissime famiglie con bambini, è ancora più scandaloso che quest’ultimi siano costretti a risentire di questi problemi sia in termini di sicurezza che di salute”.
“In questa zona – continua Cincotta – bisogna dare priorità alle esigenze di chi ci vive come servizi primari tipo: scuole, strade, interventi contro gli allagamenti, centri di primo soccorso, incrementi di mezzi pubblici e non di certo l’arrivo di stranieri che vengono poi abbandonati sul territorio dalle cooperative che li gestiscono”.

Insieme ai cittadini e comitati di quartiere abbiamo deciso, in merito a questa situazione, di avviare una raccolta firme che si ripeterà per ogni domenica del mese in via Dora Riparia (inizio del mercato), per dire NO all’apertura del centro d’accoglienza di via Mincio.

CasaPound Italia – conclude la Nota- è pronta ad alzare la voce e scendere in piazza al fianco degli abitanti di Campo Ascolano, costretti a pagare le conseguenze di scelte scellerate da parte di chi l’unica cosa a cui pensano è fare soldi sulle spalle della gente”.

Scendi in piazza e mettici la firma, prima gli Italiani!