21 gennaio 2017

Mille anni tra storia e fede: a Quarto si presenta il libro dell’antica chiesa di Santa Maria

“Santa Maria Libera Nos a Scandalis. Mille anni tra storia e fede” è il nuovo libro di Fabio Cutolo, studioso ed archivista della Diocesi di Pozzuoli. E’ un testo che fa luce su dieci secoli di devozione mariana e consente di ricostruire la storia della piana quartese attraverso vicende finora sconosciute.

Domenica 9 ottobre – alle ore 20 – nella parrocchia Santa Maria Libera Nos a Scandalis in piazza Santa Maria a Quarto si terrà la presentazione.

Con l’autore interverranno il vicario episcopale per la Cultura della Diocesi di Pozzuoli e docente della Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale monsignor Luigi Longobardo, l’archeologo Marco Giglio, lo studioso di storia e tradizioni quartesi Antonio Ferro, il vicario foraneo don Gennaro Guardascione, il parroco padre Antonio Petracca, il presidente della Pro Loco Lina Bancale e il giornalista Ciro Biondi.

“Santa Maria libera nos a Scandalis. Mille anni tra storia e fede”: il libro racconta la storia della chiesa più antica di Quarto dalla sua fondazione nel XIII secolo ai giorni nostri. Frutto di una lunga e meticolosa ricerca storica, il testo è corredato da un ricco apparato critico che permette al lettore di individuare le fonti storiche utilizzate dall’autore. Il testo è ricco di immagini a colori di documenti e testi antichi, nonché di un’appendice finale contenente le trascrizioni dei documenti più importanti e rari, compreso il famoso documento, datato 1013, riportato integralmente in latino e tradotto in italiano, nel quale si attesta l’antico culto a Maria nel territorio di Quarto. Il libro è edito dalla parrocchia.

In piazza, al termine della presentazione, seguirà una degustazione di vini doc dei Campi Flegrei e pietanze tipiche a cura delle Cantine – Tenuta IV Miglio; si potrà assaggiare “‘a marenna” quartese e pasta e fagioli con sugna, piatto della cucina contadina.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 6410 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.