2 dicembre 2016

Cartucce per stampanti: se l’acquisto è una (mezza) truffa

Un’indagine condotta dall’associazione Altroconsumo ha preso in esame il mercato delle cartucce per stampanti e portato a galla dati tutt’altro che rassicuranti: i serbatoi per inchiostri Epson, Canon, Hp, Brother, ecc., commercializzati regolarmente nei negozi di elettronica, che siano originali, compatibili o rigenerati, non sarebbero pieni e, in alcuni casi, sarebbero persino riempiti solo a metà; ma l’inchiesta ha portato a galla anche altri dettagli sconvenienti.

Una vera e propria beffa, alla luce anche del costo salatissimo delle cartucce: basti considerare che, in alcuni casi, sostituire i quattro serbatoi di nero, giallo, ciano e magenta può richiedere un esborso persino superiore a quello affrontato per l’acquisto della stampante.

Serbatoi non riempiti del tutto

Altroconsumo ha preso in esame cartucce originali, compatibili e rigenerate, mostrando come, in tutti i casi, oltre la metà dei serbatoi non erano riempiti al 100% delle proprie possibilità e uno di essi era stato riempito appena a metà. Precisiamo che la questione rivela anche lacune di natura normativa, dato che né la legge italiana né le prescrizioni europee impongono di segnalare sull’etichetta la quantità esatta di inchiostro presente nelle cartucce. In tal caso, dunque, si può indicare begli enti predisposti a vigilare e a regolamentare i veri responsabili di tale disservizio.

Le stampanti danno indicazioni errate

Altra questione è quella legata alla sostituzione delle cartucce quando esse risultano esaurite: anche qui Altroconsumo ha portato alla luce elementi preoccupanti dato che, in oltre un quarto dei casi, quando la stampante segnala l’esaurimento dell’inchiostro e la necessità di sostituire la cartuccia, quest’ultima risulta in realtà ancora piena del 10% residuo. In tal caso, dunque, il consiglio è di non sostituire il serbatoio anche in caso di segnalazione fino a quando non avrete constatato l’impossibilità di procedere con ulteriori stampe.

Insomma, qui non si può parlare di truffa, poiché, di fatto, nessuna azienda del settore contravviene a specifiche regolamentazioni di mercato; tuttavia, appare evidente come il malcostume di approfittare di una legge carente e scarsamente cautelativa nei confronti dei consumatori sia diffuso e generalizzato anche tra i più grandi brand del comparto.