8 dicembre 2016

Di Battista: “Avere un reddito è un diritto umano!”

Oggi ho chiesto a Nicola Ferrigni, direttore di Link Lab, i dati relativi ai suicidi per ragioni economiche nel primo semestre del 2016. Ebbene sono aumentati del 20% rispetto al secondo semestre del 2015. Per la prima volta non è il Veneto ma la Campania la regione con più vittime. Questo fenomeno tragico si sta spostando al centro-sud. Oltretutto ora ci sono più casi tra i disoccupati che tra gli imprenditori. L’Istat ha smesso di occuparsi di questa tragedia ed è per questo che se ne parla meno, non perché non si registrano più casi. Magari fosse così! Tra l’altro si segnala un incremento significativo del numero di vittime di età compresa tra i 45 e i 54 anni. I giovani fuggono dall’Italia, è una dramma evidentemente, ma ci avete pensato ai 50enni che perdono lavoro? Cosa fanno? Per loro andare in Australia non è semplice.

Vi scrivo tutto questo perché non c’è altra soluzione al di fuori del reddito di cittadinanza. Crediamo davvero che si possa uscire dalla crisi investendo nei motori a scoppio, nel cemento, negli idro-carburi? Ma stiamo scherzando? Turismo, cultura, enogastronomia e rinnovabili, questo è il nostro futuro. Per costruirlo occorre tempo e in questo “tempo” non possiamo permettere la fuga dei nostri giovani o il suicidio di moltissimi italiani.

Oggi tra gli ostacoli che la Repubblica deve rimuovere per garantire lo sviluppo degli individui c’è l’assenza di reddito. Non avere un reddito è un ostacolo che non ti permette di esprimerti come essere umano. Il Parlamento non dovrebbe mai fermarsi fino a che non avrà garantito a tutti i cittadini, con leggi serie, un reddito non inferiore alla soglia di povertà che per l’Istat è 780 euro al mese. Va cambiato il paradigma! Il reddito deve essere considerato un diritto umano, come lo studio, la sanità gratuita, come la possibilità di votare. Perché senza reddito si è ai margini, come se non si avesse un tetto, dei vestiti o aria da respirare.

Oggi il Parlamento è fermo e lavorerà poco o nulla fino al 4 dicembre. Ci vogliono far credere che siano le riforme costituzionali le soluzioni ai drammi dell’Italia. Ma c’è qualcuno che davvero ci crede?

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.