6 dicembre 2016

Ambiente, Bonelli, Verdi: “A Taranto si sacrificano vite in nome del Pil e la Lorenzin tace”

Angelo Bonelli, Portavoce dei Verdi, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito all’allarme legato all’ambiente. “Ormai la politica diventa di anno in anno sempre più immorale –ha affermato Bonelli-. Una politica che volta le spalle e pensa che sacrificare le vite in nome dello sviluppo e del Pil sia legittimo. Questo vale per quanto riguarda lo smog, che dovrebbe essere contrastato attraverso la promozione del servizio pubblico e affrontando temi come quello del riscaldamento delle abitazioni e della conversione ecologica per quanto riguarda l’energia. L’Italia da questo punto di vista non riesce a guardare il futuro. Il problema è chi governa, che pensa che questo tipo di sviluppo sia l’unico possibile. L’attuale governo si è detto portatore di modernità e innovazione, in realtà porta avanti politiche che guardano solo ed esclusivamente al passato e in particolar modo nel campo delle politiche ambientali”.

L’Ilva di Taranto. “Conosco bene la situazione di Taranto. E’ una vicenda che fa il paio con quello di cui parlavo prima: una grande ipocrisia, una grande immoralità. Colgo l’occasione per chiedere al Ministro della Salute Lorenzin che si è chiusa in un silenzio imbarazzante e inaccettabile su questa vicenda di Taranto. Ci sono studi che dimostrano che i bambini si ammalano in una maniera incredibile, c’è un +54% di bambini che si ammalano di malattie tumorali. Di fronte a questi dati drammatici noi abbiamo un Ministro che sta in silenzio. Deve intervenire, deve fare qualcosa, perché questi dati dimostrano che quello sviluppo sta uccidendo migliaia di persone e si stanno sacrificando vite in nome del Pil”.

Fonte: Radio Cusano Campus