6 dicembre 2016

Alessandro Di Battista sui voucher

Un paio d’anni fa con il JobsAct vennero moltiplicati i voucher. Sapete cos’è un voucher? E’ il buono da 10 euro per pagare le prestazioni occasionali. 10 euro per un’ora, 7,5 al lavoratore e 2,5 di tasse. «Così emergerà il nero» dichiarava Renzi. «No Presidente, così rendete tutti precari». Oggi anche l’INPS lo certifica parlando di lavoratori che finiscono in un “girone infernale”. Oltretutto l’ISTAT ti considera occupato anche se ricevi un solo voucher a settimana, cioè se guadagni in 7 giorni quello che ti basta solo per un pasto caldo in un fast-food. Sono incompetenti? Ma quando mai! Sono bravissimi a perseguire i loro scopi.

Il PD, il partito più neoliberista che c’è oggi in Italia, ha un obiettivo: l’abbassamento dei salari e la precarizzazione del lavoro. E te lo dicono anche, mica si vergognano. Il 21 settembre scorso durante un convegno organizzato dal Ministero dello Sviluppo economico è stata distribuita una brochure che ha l’obiettivo di attrarre investimenti in Italia. Nel documento c’è scritto nero su bianco che con il JobsAct i licenziamenti sono facili e soprattutto che in Italia i lavoratori specializzati costano meno! Il PD comunica al mondo intero che in Italia si guadagna poco, quindi è il posto giusto dove investire. Ma vi rendete conto? Schiavisti moderni crescono, non hanno più bisogno di fruste o catene, bastano i voucher, il JobsAct ed una dose massiccia di televisione di regime!

Così sulla sua pagina Facebook

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5970 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.