10 dicembre 2016

Un ottobre dall’atmosfera ottocentesca quello in programma al Museo Correr

Sarà un ottobre dall’atmosfera ottocentesca quello in programma al Museo Corrergrazie al ciclo di conferenze aperte al pubblico che andranno
ad approfondire lo scenario storico, politico e culturale dell’epoca.

Tanti argomenti ma un unico grande protagonista quell’Ippolito Caffi – la cui mostra è attualmente in corso proprio
nelle sale espositive del Correr, prorogata eccezionalmente fino all’8 gennaio 2017– che fu non solamente uno dei più grandi vedutisti del XIX secolo
ma anche attivo testimone di alcuni avvenimenti cruciali della storia d’Italia.

Parlare quindi di Caffi non significa solamente raccontare di un artista innovatore che è stato in grado di cogliere alcune
delle più grandi sfide dell’arte moderna come quella di “catturare la luce”, ma vuol dire anchediscutere di quel fervente periodo storico
– il Risorgimento –
che porta alla costituzione del Regno d’Italia.

L’avvincente biografia del pittore-reporter tocca inoltre i campi della sperimentazione e dell’innovazione tecnologica ottocentesca grazie all’avvicinamento di Caffi con il mondo della fotografia che muoveva in quegli anni i suoi primi rivoluzionari passi.
Ma i rimandi a temi e contesti della prima metà dell’Ottocento sono molteplici ed arrivano fino alla letteratura.

E’ da questo coinvolgente scenario che nascono le “Conversazioni per Ippolito” quattro appuntamenti tematici che andranno ad indagare aspetti storici e culturali che si intrecciano con la vita dell’artista bellunese.

Il primo dei quattro incontri, tutti a ingresso libero fino ad esaurimento posti presso il Salone da Ballo del Museo Correr, è programmato venerdì 7 ottobre alle ore 17.00 con la conferenza di Paolo Serafini – docente della Scuola di Specializzazione in Beni Storico-Artistici dell’Università Sapienza di Roma – sui
Rapporti, contaminazionie influenze tra Ippolito Caffi e gli artisti stranieri in Italia a metà Ottocento: Corot, Šcˇedrin, Vervloet”.

Nella conferenza di Serafini sarà presentato un Caffi anticipatore o comunque assolutamente in linea con le novità artistiche del suo tempo
così come nell’incontro successivo, venerdì 14 ottobre alle ore 18, Denis Curti – Direttore artistico della Casa dei Tre Oci – presenterà
“Ippolito Caffi e le sue anticipazioni fotografiche. Un viaggio ideale tra pittura e fotografia intorno alla forza visionaria di Caffi”.

In quel romanzo che è la vita di Caffi c’è un capitolo amplissimo dedicato al Risorgimento,
fu infatti un convinto patriota che visse in prima persona avvenimenti cruciali lasciandomemorabili testimonianze nei suoi scritti e negli innumerevoli schizzi
disegnati nei taccuni che portava sempre con sé fino ai suoi dipinti.
Giovedì 20 ottobre alle ore 18 sarà Mario Isnenghi – Docente Emerito dell’Università Ca’ Foscari di Venezia – a contestualizzare
la vita dell’artista in questo periodo storico nella conferenza: “Caffi tra il ’48 e il ’66. Un patriota pittore del Risorgimento italiano”.
Per celebrare i 150 anni del Plebiscito del Veneto al termine della conferenza di Isnenghi ci sarà un piccolo brindisi offerto dalle Cantine Colle Anese di Conegliano.

Le conversazioni speciali del Museo Correr si concluderanno giovedì 27 ottobre alle ore 18 in un affascinante confronto tra due Ippoliti:
“Caffi e Nievo”. A tenere l’ultima conferenza sarà Cesare De Michelis, professore Emerito dell’Università di Padova e presidente della Marsilio Editori.

Tutti gli incontri saranno introdotti e moderati da Annalisa Scarpa, curatrice della mostra.
Un programma denso di temi di grande fascino per una mostra – organizzata dalla Fondazione Musei Civici di Venezia con Civita Tre Venezie e Villaggio Globale International
– che per la prima volta dopo 50 anni, nel 150 anniversario dalla morte del pittore, espone l’intero fondo di oltre 150 dipinti donato dalla vedova alla città
e che continuerà ad affascinare i visitatori con le sue molteplici visioni “Tra Venezia e l’Oriente” fino all’8 gennaio 2017.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.